sabato 16 febbraio 2013

Bipolarismo...o bipolarità?

Oggi sono felice...godetevela perchè è rarissimo e soprattutto non è durevole, tra un istante potrei sciogliermi in una crisi di pianto! :-) Sono fatta così e per lo meno posso dire di esserne pienamente consapevole, di questi tempi in cui l'autocritica è un lusso! E' come se fossi rimasta una po' bambina, quando puoi passare dal pianto al riso nel tempo di un lecca-lecca.
Se si escludono i 6 mesi a cavallo tra 2011 e 2012, sono passati quasi 4 mesi dal mio arrivo qui...il primo mese ho detto al Tecnico che sarei tornata a casa la setttimana successiva e che poteva decidere se seguirmi o continuare il matrimonio a distanza...e lui mi ha detto di aspettare e vedere come andava...il secondo mese ho pianto un mucchio perchè era Natale ed ero lontana da tutti e mi mancavano i miei amici e gli ho detto che tiravo fino a giugno per la fine del primo contratto e poi mollavo tutto...lui mi ha detto di pazientare ancora e vedere se migliorava....ecco, il momento è arrivato, adesso le cose vanno decisamente meglio! Lungimirante il mio Tecnico!! :-)
Oggi posso dire di aver raggiunto una specie di equlibrio, ovviamente precario perchè noi biologi si può essere sempre e solo precari! Riesco a trovare 10-15 minuti ogni giorno (rubati alla pausa pranzo) per sentire i miei genitori, ascolto e consiglio mia nipote in crisi adolescenziale via skype/mail/facebook/whatsapp, vedo o sento le amiche più care almeno una volta alla settimana, sto conoscendo delle persone qui con cui credo di poter costruire un buon rapporto, il lavoro mi piace e mi gratifica come mai in Italia, ho ricominciato a cucinare un sacco di cose buone...insomma, avanti così! Ah, non ho detto nulla sul marito perchè quella è l'unica cosa rimasta costante in Italia e qui!
E soprattutto...ieri è arrivata la lana per la coperta e mi sto divertendo un mucchio, anche se con risultati francamente discutibili!! 




PS: commenti del marito sul mio lavoro a maglia, nell'ordine:
- Ma c'è un buco lì!! Non mi sembri mica tanto capace (cosa ti aspettavi dopo 15 anni di inattività, la perfezione?)
- Mia mamma era molto più veloce (ripeto, 15 anni che non tocco un ferro)
- Mi fai un maglioncino? (ci ho messo 1 ora per un quadrato, lo vuoi per la pensione il maglioncino? e poi, non faceva schifo il mio lavoro?)

4 commenti:

  1. mah...riconosco che non è perfetto...ma finora mi hanno solo criticato (papà via skype, nonna via skype, marito...), cattivi!! Quando sarà finita non permetterò a nessuno di usarla!! :-D

    RispondiElimina
  2. Continua, sei bravissima ;)

    ps. Credo che nelle nostre vite da emigrati ci siano sempre momenti duri in cui vorresti tornare indietro, ma poi passano, per fortuna, anche perche' dopo un po' capisci che indietro non puoi piu' tornare (nel bene e nel male).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...no dai, bravissima no...però molto volenterosa!! Eh, io ancora ci spero sul fatto che si possa tornare, ma come dicevo oggi ad un'amica su skype, se torsassi indietro alle condizioni in cui ero in Italia non ce la potrei fare!!!

      Elimina