martedì 19 marzo 2013

Washington

Finalmente trovo il tempo di fare un resoconto del nostro week end a Washington...e considerando il fatto che devo ancora trovare il tempo e la voglia di sistemare le foto del viaggio di nozze di marzo 2011, poco più di una settimana di attesa è record!
Premetto subito che la città ci è piaciuta moltissimo, ma se devo proprio essere sincera ci sono piaciuti praticamente tutti i posti dove siamo stati (tranne Los Angeles, non me ne voglia valescrive) e non so se sia perchè abbiamo visto solo bei posti o se siamo estremamente "di bocca buona" oppure se ci piace così tanto viaggiare che ci basta comunque essere in giro per essere felici e soddisfatti!
La particolarità di Washington è l'assenza dei grattacieli (abbastanza inusuale per una metropoli americana!!), in quanto per consuetudine nessun edificio può essere più alto del Capitol (il Campidoglio). Questo particolare fa sì che i monumenti della città risaltino particolarmente, perchè si stagliano nello skyline senza essere offuscati dai grattacieli.
Abbiamo iniziato il nostro giro dalla Union Station, che ricorda i monumenti di Roma anche se è molto recente. Di fronte c'è la Freedom Bell, che volevo leccare come ha fatto Ted di How I met your mother con la Liberty Bell, ma il Tecnico me l'ha impedito!
Siamo poi andati a vedere il Capitol, ma solo da fuori, 
 
 
 
 
e a visitare la biblioteca del Congresso, 
 
 
 
che non solo è un bellissimo edificio, ma ospita moltissimi libri antichi che si possono consultare, oltre ad una sezione dedicata alla storia Americana, con vari documenti dell'epoca, e una dedicata a come i vari popoli invasori abbiano decimato le popolazioni americane pre-esistenti. :-( Tra le pareti e il soffitto sono incise molte frasi sulla lettura e sulla cultura, tipo questa.
 
 
 

Abbiamo attraversato il parco alle spalle del Capitol e mi è piaciuta questa isola di verde e tranquillità nel mezzo della città, con il laghetto e le famigliole che passeggiavano!
Dopo un doveroso hot-dog di metà giornata, ci siamo tuffati nel museo di storia indiana-americana. E poi in quello di Air&Space. 
 
 

Belli entrambi, però devo dire che dopo un'ora di punte di freccia con canti Navaho in sottofondo ci siamo un po' stancati...ma anche dopo un'ora di divise della guerra e cosamangianogliastronauti. Nel museo dello spazio però ci sono molte attività da fare con i bambini...da cui sono stata ancora una volta strappata a forza, mentre sfidavo in un quiz in inglese un bambino principe dei nerd e saccente!!!
Da qui siamo andati fino al monumento a Washington attraversando un lunghissimo parco, pieno di gente che giocava e si rilassava complice anche il caldo decisamente primaverile. 
 
 
Un mese fa ho letto "il simbolo perduto" di Dan Brown, che è tutto ambientato a DC, e guardando l'obelisco non potevo non pensare alle parti del libro che lo riguardavano. Io, nota capra in ambito geografico e storico, ho stupito il Tecnico con tutta una serie di citazioni e riferimenti alla storia massonica di Washngton...non rivelerò mai, neppure sotto tortura, che li ho derivati dal libro di Brown!!
La giornata è finita con la consueta visione della Casa Bianca da davanti e da dietro, foto di rito e 10 minuti sulle punte a cercare di intravedere un braccio di Michelle, un piede di una delle figlie o almeno il presidente in pigiama...niente...


Distrutti da questa prima giornata abbiamo trovato riparo in una confortevole locanda tedesca e ci siamo ristorati con birra e hamburger...questo è il mio ultimo ricordo, poi sono crollata nel sonno dei giusti e mi sono riavuta alle 7 della mattina seguente!
Il secondo giorno siamo partiti dal monumento a Washington verso il Lincoln memorial e penso che sia il modo più bello per arrivarci, costeggiando la reflecting pool in cui si specchia il monumento. 
 
 
La statua di Lincoln mi ha un po' inquietato, serissimo e alto come un palazzo di due piani!! 
 
 
Davanti al monumento c'è anche la scritta "I have a dream" che segna il punto dove ML King ha fatto il celebre discorso. Non riuscivamo a capire dove fosse, finchè non si è spostato l'assembramento di 40 giapponesi che ci stava esattamente sopra...
Da qui siamo andati a piedi al cimitero di Arlington, 1 ora di camminata con me che inveivo contro il Tecnico per non aver voluto prendere la metro ("tanto sono due passi"). Il cimitero però mi è piaciuto molto...quanto può piacere un cimitero ecco...perchè preferisco le migliaia di lapidi bianche tutte uguali rispetto al fiorire italico di tempietti di marmo e statue. 
 
 
 
Anche la tomba di Kennedy e famiglia è molto molto semplice, con una fiamma sempre ardente come unico segnale distintivo.
Riportata di buon umore grazie a hot dog e limonata, siamo ripartiti verso il ML King Memorial, pieno di frasi dei suoi discorsi scolpite nella roccia e con un'enorme statua. Questo era alto come Lincoln ma aveva una faccia più buona e non mi ha inquietato!


Infine sono riuscita a trascinare il Tecnico anche al museo di arte, ma abbiamo fatto un passaggio veloce tra le centinaia di sale, perchè qualche ora in più gli avrebbe causato una crisi epilettica!! Il museo è ricco di opere, ma non mi è molto piaciuta l'organizzazione, troppo caotica e poco in grado di mettere in risalto i quadri migliori.
Ecco, con il museo si è conclusa la nostra visita a DC. Come dicevo all'inizio, siamo stati molto soddisfatti di questa città, anche per i parchi bellissimi, la tranquillità e la pulizia...ed i musei gratuiti sono assolutamente da menzionare!

13 commenti:

  1. Ahahaha non ci crederai ma appena ho cominciato a leggere ed ho visto le immagini mi è venuto alla mente pure a me il libro sulle sette massoniche di Dam Brown che si svolge nei sotterranei di Washington !!! Ahahaha:-) cmq il fatto che non c siano grattacieli mi da ispirazione a dir che deve esser una bella città:) non amo molto i grattacieli, preferisco le architetture più neoclassiche:)
    http://blogpercomunicare.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono i grattacieli, perchè fanno molto "metropoli americana"...ma forse di Washington ho apprezzato proprio il fatto che non ci fossero quando invece me li aspettavo!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sì bella bella, poi sai che passeggiate nel parco con laPicci!!

      Elimina
  3. Ma e' tutto bianco a Washington! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah è vero...o forse ho sbagliato io le impostazioni di bilanciamento del bianco nelle foto! :-D

      Elimina
  4. Che belle foto! Anche a me era piaciuta Washington, però mi piacerebbe tornarci quando ci sono i ciliegi in fiore. Quando ci sono andata io faceva un freddo becco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi abbiamo avuto delle bellissime giornate, ma sarebbe stato ancora più bello andarci da questa settimana a metà aprile, per il Cherry Blossom festival!

      Elimina
  5. Aspettavo questo post! Washington mi piace perche' ha i monumenti tutti in marmo bianchissimo senza nemmeno una scolatura o annerimenti vari.. almeno dalle foto che si trovano in giro, ancora devo andarci.
    Siete stati sulla cima dell'obelisco o era chiusa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, confemo che la città è molto bella...e che i monumenti sono molto bianchi! :-) Abbiamo visto tutte le impalcature attorno all'obelisco e abbiamo pensato che fosse chiuso, ma ad essere sincera poi non abbiamo avuto il tempo di verificare che fosse così...buona ragione per tornarci! ;-)

      Elimina
  6. Che bel resoconto. Viene voglia di viaggiare.
    Per oggi però di Washington ne ho abbastanza, il poliziotto che stamani ha preparato i dati per il passaporto di mio figlio, si chiama così. Un giorno scriverò un post sui nomi dei brasiliani, roba da far accapponare la pelle!! E ovviamente in questo paese si scrive Uoscinton!! Fermateli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La voglia di viaggiare è reciproca quando vedo i tuoi post fotografici!!! Anche in Italia però hanno questo gusto per i nomi stranieri, la maggior parte delle volte storpiati, tipo Maicol, Sindy, Oras...le compagne di classe di mia nipote, in un paesino della bassa padana, hanno dei nomi che pare di essere in Dallas!!

      Elimina