giovedì 11 aprile 2013

Colpa della pioggia

Ci sono giorni in cui sono in delirio di onnipotenza...lo so, pare incredibile perchè quando scrivo qui in genere sono più sul mood "paranoia spinta"! E' che, per fortuna, quando sono in modalità "Dio sceso in terra" ho il buongusto di non scrivere nulla, così non mi vedete mentre penso che scoprirò la cura sul cancro e prenderò il premio Nobel, che tutte le persone qui sembrano meravigliose e potenziali ottimi amici, che mio marito è eccezionale e lo amo alla follia, che qui sono felicissima e non potrebbe andare meglio, che questo è il paese delle opportunità e gli Americani sono un grandissimo popolo.
Poi ci sono le giornate come oggi, in cui mi sveglio girata di culo, scendo dal letto con piede sinistro e tutto attorno a me sembra andare a rotoli.
E sono questi i giorni che amo condividere sul blog! :-)
Quelli in cui in laboratorio non mi funziona niente e mi sento un fallimento come biologa, mi immagino cacciata a calci in culo dalla comunità scientifica e penso che avrei dovuto fare il muratore come mio papà. 
Quelli in cui mi chiedo come faccio a sopportare altri 50 anni quest'uomo che non riesce a stare in una stanza senza accendere radio/tv/film su pc, spesso contemporaneamente, soprattutto in quei giorni in cui anche la mia sola presenza mi urta, figuriamoci quella altrui e rumorosa!
Quelli in cui non sopporto nessuno di quelli che lavorano con me e li scioglierei tutti nell'acido (prima che mi arrestino, è un modo di dire!).
Quelli in cui fuori piove a dirotto ed è tutto grigio e le nuvole creano l'illusione delle montagne...e penso all'Italia e alle montagne che si vedono da casa dei miei quando il cielo è terso e sereno.
Quelli in cui a casa c'è qualcuno che non sta bene e non so cosa fare da qui.
Quelli in cui penso che morirò a causa di questa ridicola allergia, a breve e tra atroci sofferenze (però coperte da assicurazione).
Quelli in cui vorrei andare a letto e svegliarmi magra, senza fatica, senza sfinirmi di corsa, senza lottare  contro un metabolismo bradipo, un frigorifero pieno di cose che non dovrei mangiare (che non ho comprato io!) e un capo che tiene nel suo studio tutti i tipi di patatine e cioccolata, per chi passa da lì!

10 commenti:

  1. Ma a che servono gli altri expat se non a dirti che è tutto normale e che non stai diventando pazza? Mi spiace per queste giornate...Pure io nei giorni in cui faccio una stupidaggine in lab mi prefigurto il capo che mi licenzia e io che vado a fare la lavapiatti: è normale!Tu però la prossima volta prendi il mano il telefono, se vuoi io ci sono ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, dovrei appoggiarmi di più a chi mi può capire al 100% come te...meno male che non sono l'unica a ragionare così, è come sempre rassicurante sapere che non sono pazza...o almeno che non sono l'unica pazza! :-)

      Elimina
  2. oooh come ricordo la sensazione di fallimento della ricercatrice...io arrivai a pensare, vedendone uno sul bus per andare al lavoro, che un cane guida per ciechi fosse piu' utile di me per la societa'. Poi passa, tranquilla :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no cazzo, quello è uno sconttoro troppo sbilanciato!! Il cane guida è troppo utile, non possiamo paragonarci!!! :-D

      Elimina
  3. Lo sai che i mariti li fanno tutti cosi'? E scommetto che anche lui inizia a vedere i film quando sono quasi finiti :DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, come sono fatti tutti così??? e io che volevo provare a cambiarlo, era ancora in garanzia!! Ok, mi rassegno, ho capito che sono tutti uguali :-(

      Elimina
  4. io negli anni ho sviluppato il metodo di dirmi, tutte le volte che il bicchiere mezzovuoto mi pare insostenibile, che non abitero'li' per sempre...con me funziona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è quando il marito inizia a favoleggiare di stare qui tutta la vita...lì sì che inizia la vera paranoia!! :-)

      Elimina
  5. come ti capisco!! ci sono quei giorni in cui uccideresti i tuoi colleghi perchè ti fanno girare le palle, e quelli in cui ti senti una nullità!!! per fortuna poi passano e il giorno dopo ti senti magari pure una regina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io posso passare dall'abbruttimento all'autocelebrazione nel giro di 2 ore :-D

      Elimina