mercoledì 12 giugno 2013

Una storia vecchia

Ho già raccontato diverse volte questa storia e qualcuno di voi l'avrà già sentita, ma ci sono sempre molto affezionata.
Era marzo del 1999, mia sorella era sposata da poco. Come ho detto spesso, la differenza di età tra di noi (9 anni) aveva fatto sì che non fossimo molto legate, quindi non sapevo nulla dei suoi eventuali progetti futuri (se volevano figli, se ci stavano provando o se invece volevano aspettare).
Una sera la vado a trovare nella sua casa nuova, la trovo sul divano sofferente per una delle sue solite emicranie e le racconto di aver fatto un sogno quella notte che mi era rimasto impresso nella mente. Avevo sognato lei con in braccio un neonato, per la precisione una bambina, ma molto molto più piccola del normale. Al sentire questo racconto lei e mio cognato si sono guardati increduli e io avevo pensato che fosse perchè erano lontani anni luce dal progetto "famiglia".
Un paio di settimane dopo mia sorella aveva annunciato che aspettava un bambino...e che il giorno in cui le avevo raccontato il mio strano sogno erano appena tornati dall'ospedale, dove avevano ritirato le analisi delle Beta, ovviamente positivissime. 
A novembre del 1999 nasceva mia nipote S*, femmina e sottopeso, minuscola.
Tutto questo per spiegare il legame speciale che sento con questa bimba, che mi si è annunciata in sogno fin dalla sua comparsa. Quando lei è nata, inoltre, io vivevo ancora con i miei genitori e mia sorella è rimasta da noi per le prime due settimane dopo il parto. Ho cullato S*, le ho cantato la ninnananna, l'ho portata in giro nel marsupio, ho giocato con lei e le ho dato prima il latte e poi le pappe. Nel 2005 è nato anche il suo fratellino, per cui provo esattamente lo stesso affetto, ma è una cosa diversa, perchè vivevo già da sola e lo vedevo solo un week end ogni tanto.
Questa settimana la mia bimba ha iniziato gli esami di terza media e non mi sembra vero che sia già diventata così grande. Guardo le foto che le ha fatto mia sorella il giorno dell'esame e rivedo quel fagottino minuscolo nella culla, la piccoletta che mi correva incontro all'uscita dell'asilo nido, la bimbetta tutta elegante che mi ha dato i fiori il giorno della mia laurea. E adesso sta sbocciando una bellissima donna (forse non sono molto obiettiva...).
Mi manca terribilmente e una delle cose che mi pesano maggiormente è il senso di colpa per averla "abbandonata" per venire qui, per non esserci subito quando ha bisogno di me, per non starle accanto a proteggerla come avrei voluto fare. Spero che non mi porti rancore per questo e che sappia perdonarmi, io farò di tutto per esserci in ogni modo che sarà possibile.
   

14 commenti:

  1. Mio fratello è molto più piccolo di me e anch'io ho vissuto a casa dei miei nelle prime settimane dopo la nascita della prima figlia, il rapporto tra lo zio e la nipotina è veramente speciale. Pensa che mia figlia mi ha detto più volte: "non è tuo fratello, è mio zio!". Ricordo chiaramente che fin da bambino mi chiedeva speranzoso di farlo diventare zio...
    perdona il commento sconclusionato, ma mi hai risvegliato molte emozioni e teneri ricordi.
    Tua nipote è fortunata ad avere una zia che le vuole così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I commenti sconclusionati sono i migliori!! :-)
      Io e mia sorella abbiamo un pessimo rapporto, molto freddo...ma non potrò mai ringraziarla abbastanza per avermi dato i miei nipoti, sono un pezzo della mia anima!

      Elimina
  2. Ma non l'hai abbandonata, anzi, le hai dato un esempio di come si possa amare anche a distanza, e di come si possa perseguire con determinazione, sacrifici e coraggio un obiettivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, speriamo la prenda così davvero...grazie!!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie, sono solo un po'triste perchè se tutto fosse andato come nei piani sarei stata dentro con lei a sentire il suo orale...e invece prima l'hanno posticipato, poi messo il 25 quando sono al consolato. E mi dispiace tanto.

      Elimina
  4. Con il legame forte che avete, sono sicura che ti sentirà sempre vicina. E poi c'è skype, anche se lo so, non è lo stesso. E poi t'immagini che emozione quando verrà a trovare la zia americana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero...se solo fosse più grande sarebbe potuta venire già adesso, ne sarebbe stata felicissima!

      Elimina
  5. Quoto Sfolli me too. Bellissima dolcissima zia ♡

    RispondiElimina
  6. Non è la distanza a spiegare un rapporto d'amore... e sicuramente la tua nipotina sa quanto le vuoi bene, indipendentemente da dove ti trovi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lo spero davvero!! O magari lo capirà con il tempo, quando si è più piccoli è difficile capire che una persona può amarti anche se si allontana!

      Elimina