domenica 2 giugno 2013

Yard Sale

Ieri ho partecipato al mio primo Yard Sale in terra americana.
Lo Yard Sale o Garage Sale o Moving Sale è piuttosto frequente negli Stati Uniti e andando in giro in macchina ne abbiamo visti diversi davanti alle case. In pratica quando si svuota la cantina/garage o si trasloca o magari si ereditano vecchi cianfrusaglie di cui ci su vuole disfare, invece di buttare tutto nel primo cassonetto vicino si tenta di guadagnarci qualche dollaro. Si prepara un banchetto con gli oggetti da vendere, spesso già prezzati, e magari si aggiunge qualche palloncino o festone e un bel cartellone fluorescente per attirare l'attenzione dei passanti. Alla fine si trova sempre un appassionato di paralumi antichi che non vede l'ora di portarsi a casa la vecchia abat-jour della nonna o una giovane coppia (anche non più tanto giovane, tipo noi) senza tanti soldi che sta cercando un divano usato ma tenuto bene a poco prezzo!
In alcuni quartieri di Columbus, a rotazione, invece di avere Garage Sale occasionali, si decide una giornata all'anno da dedicare a questo tipo di attività. Nel nostro quartiere si fa il primo sabato di giugno. 
Per partecipare bastava entrare in questo sito ed iscriversi, indicando il luogo dove si sarebbe tenuta la vendita e il tipo di oggetti che si volevano commerciare. Quest'anno c'erano più di 150 famiglie che hanno partecipato, la maggior parte solo nel giorno indicato, quelli che avevano tante cose da smerciare hanno iniziato il venerdì e sono andati avanti fino ad oggi. 
Noi non avevamo ovviamente nulla da vendere, quindi ci siamo associati ad un'altra coppia di italiani che da un paio d'anni in occasione dello Yard Sale preparavano un banchetto di cibo italiano, la "Italian Street Bakery"! Io e il Tecnico (non esattamente di sua sponte...) abbiamo cucinato il venerdì sera fino alle 3 di notte e tra noi e gli altri ragazzi abbiamo preparato: pizze, focacce, biscotti alla nutella e biscotti al cocco, baci di dama, tenerina al cioccolato, ciambella allo yogurt e cioccolato, torta pere e cioccolato, crostata di nutella, torta di amaretti, crostatine con crema pasticcera e frutta fresca. Oltre a questo offrivamo un vero espresso italiano shackerato! 
Il divertimento è stato anche nella preparazione del banchetto, in quanto ho disegnato un cartellone pubblicitario, abbiamo comprato i sacchettini per i biscotti e preparato i cartellini con i prezzi.
Alle 9 di sabato mattina eravamo già in strada a vendere e quando abbiamo finito all'una erano rimasti giusto 4 biscotti, una fetta di torta e una di focaccia (il Tecnico era disperato perchè sperava restasse almeno una fetta di torta alla nutella e una crostatina di frutta!!).
Al di là del guadagno economico, è stata un'esperienza bellissima perchè le persone sono state davvero molto gentili, ci hanno riempito di complimenti (il più bello quello di un ragazzo con la sindrome di Down, che è tornato per dirci quanto fosse buona la nostra crostatina), abbiamo parlato dell'Italia, qualcuno ci diceva parole a caso in italiano (uno ha detto,nell'ordine, "mi piace, Sicilia, ciao, molto bene, ti amo"...) e molti ci hanno chiesto dov'era il nostro negozio per venire a comprare ancora...quasi quasi apriamo una bakery! :-) 
Molti si ricordavano del banchetto dall'anno scorso e sono venuti a cercarlo, tanti magari non si fermavano a mangiare ma ci dicevano che avevamo avuto una bellissima idea e altri invece che passare oltre e basta dicevano "ah se non fossi a dieta" oppure "se l'avessi saputo mangiavo di meno a colazione". Un bambino cicciotto, probabilmente messo a dieta, ha preso 3 biscotti alla nutella e una fetta di torta, ma si vedeva dalla faccia che avrebbe preso tutto quello che c'era sui tavolini!!!
Nella casa accanto c'erano un paio di ragazzi che vendevano dai cestini di vimini alle casse dello stereo ai vestiti usati e facevano i pagliacci facendo ridere tutti i clienti. E un vecchietto che conoscevamo è venuto a mostrarci tutto soddisfatto il suo affare (una vecchia mappa di una città, con cornice).
Insomma, esperienza promossa a pieni voti!
Alla sera io e il Tecnico pensavamo a quante cose abbiamo buttato prima del nostro trasloco qui mentre se fossimo stati in Usa ci avremmo fatto un Moving Sale!! In Italia non penso potrebbe funzionare una cosa del genere, la gente si vergognerebbe a vendere il proprio usato per paura di sembrare dei morti di fame...e nessuno lo verrebbe a comprare per non fare la figura del poveraccio! Qui invece ho visto Garage Sale anche nel quartiere più ricco della città!!
Vi lascio una foto (con venditrici nascoste) del nostro banchetto.
 
 
 

29 commenti:

  1. che bravi!!!!
    qui non credo ci sia una giornata da dedicare ai garage sales, ma ogni tanto mi capita di andarne a vedere un paio nel weekend.. e trovo sempre qualcosa da comprare :-P

    w i garage sales!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente w i garage sales!! Io non ho potuto andare in giro per gli altri banchetti perchè ero impegnata con la bakery, il prossimo anno sguinzaglio il Tecnico!

      Elimina
  2. Ne ho visti alcuni in giro, ma quando torno e'una delle cose che voglio vedere per bene tanto nei fine settimana se trova sempre qualcuno in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì sì, c'è sempre qualcuno che trasloca negli States! :-)

      Elimina
  3. Bello, io poi sono patita di cose vecchie...
    Ormai i mercatini dell'usato sono diffusi un po' ovunque, vuoi la crisi, vuoi la mentalità sempre più diffusa (e meno male) del riciclo, vuoi anche la moda "vintage"...
    Anche in Italia han preso piede.

    Bravi bravi voi pasticceri! Lo dico sempre anch'io che dovrei fare una cosa simile nei mercatini qua, poi mi lascio prendere dalla pigrizia -ed anche un po' dal pensiero "e se poi mi avanzano?"- :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i mercatini hanno preso piede un po' ovunque, ma i garage sales li vedo come una cosa leggermente diversa...nel senso che c'erano sia quelli con oggetti vintage (simil mercatino), sia quelli che vendevano i mobili di casa, moderni (e questo mi sembra meno diffuso, credo).
      A me è rimasta la voglia di rifare ancora il banchettino con i dolci...chissà!

      Elimina
  4. Sono bellissime le yard sales :) ti liberi di cianfrusaglie (o ne trovi altre) e ci fai pure dei soldini :)

    In Italia sarebbe passata la municipale a fare le multe.
    Niente permessi, niente scontrini, tutto incasso in nero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti da brava italiana ho vissuto 5 ore nel terrore che arrivasse la municipale a multarci!! :-D

      Elimina
  5. Proprio ieri ho visto un Moving sale :D stavolta organizzato in casa, evidentemente si vendevano pure I muri :D bello bello bello! A Roma una volta ho partecipato ad un mercatino di natale, e' stato divertentissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci siamo davvero divertiti un sacco, soprattutto per il contatto con le persone, così gentili!!!

      Elimina
  6. Ma che bello. Hai ragione sai, in Italia ci si vergognerebbe sia a vendere che a comprare. Carino anche il banchetto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :-) Forse in Italia qualcosa si sta muovendo per gli oggetti antichi o vintage, ma per il resto ancora ci si vergogna!

      Elimina
  7. Ma che bravi!Il banchetto pare proprio invitante, ci credo che non è rimasto niente da mangiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando siamo partiti c'era così tanta roba che non credevo sarebbe andato venduto tutto!!

      Elimina
  8. soffro quando vedo banchetti simili :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no perchè? Se scendi più sotto di Toledo puoi avere qualche assaggio! :-)

      Elimina
  9. Io avrei una montagna di cose da vendere, e non mi vergognerei affatto!!
    Bellissima la vostra idea dell'italian bakery!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io continuo a pensare a tutte le cose che ho lasciato a casa dei miei genitori e che qui potrei vendere benissimo!!!

      Elimina
  10. Uh che bello!!!
    Anche se io non mi sarei lasciata convincere a cucinare fino alle 3 di notte, lazy me ;-)
    Comunque sono d'accordo, in Italia non funzionerebbe, purtroppo... penso altrettanto dei miei amati charity shops, dove ho trovato cose bellissime, in ottimo stato e che mi mancano cosi tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono super lazy, non credere...ma quando ho un obiettivo a cui tengo divento super effeiciente!!

      Elimina
  11. bello!! pure qua si fa, ma siccome gli inglesi i giardini ce li hanno solo nel back della casa e dunque non possono mercanteggiare davanti alla porta, i mercatini li fanno solo sempre in "location apposite". però qua si chiamano "car boot sales" perché ci vai portando tutto quello che ti entra nel bagagliaio. fichissimi comunque. li fanno un sacco anche gli studenti, quando finisce l'anno accademico e devono lasciare il dormitorio. grandi bazze per tutti noialtri!!
    cmq davvero buone le cose che avete cucinato! complimenti eh!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi pento moltissimo di non aver sguinzagliato il Tecnico in giro a fare affari, con tutte le cose che ci servirebbero!! next time!
      Grazie per i complimenti! :-)

      Elimina
    2. Io pensavo fosse car boot perché veniva fatto aprendo il retro della macchina e vendendo da lì...smila dobbiamo scoprire la verità

      Elimina
    3. amica mia carissima, non vorrei fare della filologia spicciola, ma io non vedo la differenza!!!!
      :) so scema!?
      pò esse.
      è molto probabile.
      però fikissima eh!

      Elimina
  12. Fichissimo ! Tenerina , ma cos'è?mi viene da abbracciarla !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Tenerina è una torta di Ferrara (a Urbino invece ho scoperto la chiamano Mattonella, ma viene meno voglia di abbracciarla!)...in pratica è una cosa buonissima e caloricissima con cioccolato fondente, burro, zucchero e uova...Love it!

      Elimina
    2. aaaah, la mattonella!! eh lo potevi dì! è che noi marchigiani siamo molto più terra terra! super buona.

      Elimina
    3. Ma vuoi mettere la poeticità del termine "tenerina"?? :-D

      Elimina
  13. ll CAR BOOT SALE A LATINA IN PIAZZA DEL QUADRATO
    E' una manifestazione che ha lo scopo di contribuire a valorizzare il territorio comunale proponendo ai cittadini, residenti ed ospiti, un’occasione di aggregazione e ritrovo basata sulla vendita da parte di privati di oggetti di modico valore, usati o di propria produzione (opere dell’ingegno), nel rispetto della normativa vigente. L’attività di vendita deve essere effettuata in forma non imprenditoriale ed a carattere del tutto occasionale.

    IL BEST CAR BOOT SALE si svolge con un minimo di 25 partecipanti paganti. Nel caso di mancato raggiungimento di tale numero è facoltà dell’Organizzazione annullare lo svolgimento dello stesso, informandone gli operatori prenotati il venerdì precedente la manifestazione.
    INFORMIAMO COLORO INTENDONO PARTECIPARE AL NOSTRO CAR BOOT CHE LE PRENOTAZIONI SI CHIUDONO IL GIOVEDI' PRIMA DELL'EVENTO.

    Info: 347.3638993

    https://www.facebook.com/CAR-BOOT-SALE-A-Latina-vendita-dellusato-dal-portabagagli-dellauto-704322876401356/

    RispondiElimina