sabato 13 luglio 2013

Non ho (più) l'età 2

Tra meno di una settimana compio gli anni.
34.
E vorrei poterlo evitare in qualche modo, qualcuno sa come si fa?
Fino ai 30, adoravo il mio compleanno e lo aspettavo con la stessa impazienza dei bambini. Poi non più.
Mi pare che ogni compleanno sia lì a ricordarmi quanto sono indietro nella tabella di marcia della vita, quanto sia ancora precaria e sradicata e immatura.
Mi ricorda che 365 giorni prima ero sicura che il compleanno successivo mi avrebbe trovato con qualcosa in più...e invece niente.
E ci si mette pure il mio corpo, che sta dando sempre più inequivocabili segni di cedimento strutturale, ormai impossibili da ignorare!
Non parlo di resistenza sportiva, quella mi ha abbandonato almeno 20 anni fa.
E neppure di questioni estetiche, altro campo disastroso da anni.
E' proprio l'interno che sta cedendo!!
Ieri sera avevamo amici a cena, una cosa improvvisata e abbastanza semplice. Ho mangiato molto, ma neppure troppo...e ho bevuto un po' di vino, ma pure quello con moderazione.
Stanotte alle 5 ero sul divano in preda a lancinanti dolori di stomaco, che sono passati dopo un trattamento con the, pasticche e borsa dell'acqua calda.
Io, che ero nota per digerire anche i sassi e adesso invece devo evitare la salsiccia, la pancetta, i peperoni e anche i cetrioli.
Io, che mangiavo la piadina salsiccia, cipolla e melanzane all'uscita dalla discoteca alle 5 di mattina e poi dormivo come un angioletto, mentre se adesso mangio qualcosa dopo le 11 PM non dormo fino al mattino.
Io, che a 4 ore da qualunque pranzo di qualunque portata, avevo comunque fame perchè tutto era stato digerito perfettamente e adesso ci metto una mezza giornata almeno.
Io, che sono cresciuta nella casa dove si friggono anche le suole delle scarpe e adesso non posso tollerare nessun tipo di fritto.
Quando anche il tuo stomaco ti tradisce, la vecchiaia è ormai una realtà.

23 commenti:

  1. Non credo che sia un problema di vecchiaia, dai....a 34 anni sei ancora una giovincella, io ho la tua stessa età, ma con i n. capovolti, cosa dovrei dire?? Che ho un piede nella fossa???
    Anch'io nn digerisco più nulla e prima ero come te. Secondo me...non ci sono più le salsicce di una volta, questo è il vero problema...ahahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa opzione non l'avevo considerata...dev'essere decisamente così, non ci sono più i cibi di una volta!!!!

      Elimina
    2. Interessante questo modo di vedere le cose, che prendo in prestito per le taglie dei vestiti...non sono io che non entro più nella 42 ma evidentemente la 46 di oggi equivale alla 42 di qualche (preferisco non dire quanti) anno fa! Ora vado a letto più tranquilla!!

      Elimina
    3. Serena, secondo me è evidentemente così!

      Elimina
  2. ....34 sono ancora dei bei numeri, e sono ancora lontani da quelli "calanti". Inoltre, non si è mai in ritardo, a volte chi arriva prima sulla tabella di marcia della vita non fa i nostri stessi percorsi. La mia personale tabella, la ignoro...da sempre....non ne vado fiera, ma non siamo tutti uguali. Per fortuna.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, anche se ongi tanto me ne dimentico...una volta passato il compleanno mi dimenticherò della vecchiaia che avanza fino al prossimo 19 luglio!

      Elimina
  3. Io sono come te...fino a 25 anni, festeggiavo allegramente. Poi ho iniziato a sentirmi vecchia. Però poi...dipende. A gennaio per i miei 34 avevo una gran voglia di festeggiare...ed ho organizzato ;)
    Per il resto, magari è solo un periodo. Stai vivendo tanti cambiamenti, datti il tempo di adattarti. A Berlino stavo sempre malissimo con la pancia, ma credo fosse un problema di testa.
    Ripasserò di qui per gli auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non escludo di aver somatizzato alcuni momenti difficili degli ultimi mesi nello stomaco...o forse l'ho solo messo troppo a dura prova in passato, il "tutto-fritto" dei miei non è per tutti!! Ti aspetto per gli auguri!

      Elimina
  4. Ancora non sei (siamo) neppure a meta' del cammin di nostra vita (a Dio piacendo!). Magari al giro di boa (che io non immagino prima dei 50) ne riparliamo ;)
    Comunque io sarei morta pure a 15 anni se avessi mangiato quella padina li' alle cinque di mattina :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io no accidenti, avevo uno stomaco indistruttibile e invece adesso mi tradisce così...lo so che sono esagerata con queste lagne a 34 anni, passato il compleanno tornerò normale! :-)

      Elimina
  5. Benvenuta nel club :D Ma dimmi un po', sara' mica che il tuo corpo ti sta dicendo Prendiamo le distanze dal passato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, può darsi...ma intanto che c'era, non poteva prendere le distanze dal passato che so...togliendomi l'ansia e aumentandomi il metabolismo??? :-D

      Elimina
  6. Secondo me il tuo stomaco si era abituato alle salsicce mantovane...hai fatto e visto più cose tu in 34 anni che la maggior parte delle persone che conosco anche più vecchie di te. Non so se può essere utile, ma visto che sei in tema di bilanci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che è solo una questione campanilista e in Italia tornerei a digerire anche i sassi? mmmh, interessante...
      Sì, la tua frase mi è utile eccome, ogni tanto mi dovrei soffermare su quello che HO fatto invece di quello che NON ho fatto!!

      Elimina
  7. fino a che non hai menzionato il fritto non ho capito a che livello di tormento fossi arrivata.
    poi ..... è orribile amica. se io dovessi smettere di tollerare (AMARE!) il fritto (ché noi, nella mia terra, usiamo per lo svezzamento) penso che lo vivrei come una perdita di radici, di identità!
    la vita è carogna, amica.
    coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente una persona che capisce appieno il mio dramma interiore...perchè poi, come puoi ben immaginare, a Natale e Pasqua la nonna marchigiana del marito ci propone "tutto il fritto minuto per minuto"!! Che io ovviamente mangio, anche a costo di stare malissimo!!!

      Elimina
    2. beh, ovvio! la vita a volte richiede dei sacrifici. bisogna essere stoici.
      daje!

      Elimina
  8. A 34 anni hai il mondo in mano!
    PS: tra qualche giorno sara' anche il mio compleanno, con la differenza che ho qualche annetto in piu' di te.

    RispondiElimina
  9. Secondo me il tuo corpo è solo diventato ragionevole e ti permette di mangiare solo quello che ti fa bene. Si chiama saggezza, non vecchiaia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dissento forttemente...il fritto è ragionevolissimo!!! :-)

      Elimina
  10. Concordissimo, lo stomaco che inizia a fare cilecca vale più di mille capelli bianchi che compaiono a tradimento.
    Oh, ma siamo coetanissime, sei nata un giorno dopo di me in pratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma daaaaai, praticamente gemelle!! Sì, lo stomaco è la vera rogna, io volevo continuare a digerire anche i sassi!!!

      Elimina