lunedì 16 dicembre 2013

10 cose che un expat fa, ma non lo dice...

E dopo Vale, Vavi e Renata, ecco qui la mia lista:
1. Usare la scusa "sorry, I'm italian" quando fai una cazzata perche' non hai capito bene come funziona qualcosa
2. Comprare la Alfredo sauce almeno una volta ogni tanto per poi insultare gli americani per quello che mangiano pensando sia italiano
3. Andare a fare la spesa in tuta e con i capelli raccolti come capita, cosi' come andare al ristorante direttamente dal lavoro senza passare a casa a fare doccia e restauro
4. Approfittare di tutti i drive through che ti capitano per fare meno fatica (cena, caffe', bancomat,...)
5. Sedersi in uno Starbucks o da Barnes & Nobles da soli e stare al tavolo a leggere con davanti una mega tazza di qualche intruglio caldo
6. Ordinare una bruschetta e pronunciarla "bruSCEtta" per essere sicuri che ti capiscano
7. Commuoversi davanti ad una fetta di prosciutto crudo o di salame trafugati illegalmente dall'Italia
8. Imparare la sacra arte dell'essere cerimoniosi e rispondere alle commesse con mille dettagli inutili, gridolini estatici ed espressioni di giubilo
9. Appassionarsi a festivita' americane di cui non conosciamo neppure la vera origine e approfittarne per decorare la casa in modo improponibile
10. Comprare qualcosa e riportarlo indietro senza problemi anche mesi dopo, senza scontrino, solo usando la stessa carta di credito su cui ti restituiscono immediatamente i soldi dell'acquisto

33 commenti:

  1. hahahha la bruscetta si si, celo celo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dobbiamo fare, altrimenti non capiscono!!!

      Elimina
    2. ecco io quello non ce la faccio e mi impunto, cioé faccio fatica tutti i santi giorni a parlare in Inglese cercando di avere una buona pronuncia che due parole in croce in Italiano che usano loro si sforzino anche loro ;)

      Elimina
    3. E il PISTACIO?
      Condivido anche la sincera commozione di fronte ai salumi... anche quelli rintracciati in loco!

      Elimina
    4. No, io sono piu' pratica...l'importante e' che mi capiscano! :-)

      Elimina
    5. io in questi casi estremi mi rifiuto di pronunciare alla cazzo e INDICO IL MENU!!!!
      amen.

      Elimina
    6. ahahahahaa, un giusto compromessot tra necessita' e dignita'!!!

      Elimina
  2. La numero 10 è una cosa che vorrei tanto fare solo per sfizio visto che qui è così facile ma niente non ci riesco….la mia timidezza è troppo forte, ma prima o poi…chissà :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono buttata!!avevo comprato dei calzini al tecnico ma non gli piacevano...allora mi sono fatta coraggio e ho chiesto se potevo restituirli (erano passati un po' di giorni)...e' stato cosi' facile e indolore che mi e' passata la paura e adesso lo faccio spesso se ne ho bisogno!

      Elimina
  3. 1. Scommetto che funziona sempre :D
    almeno riconosciamo i nostri peccati e facciamo ammenda. Da noi non lo fanno.
    2. La proverei anche io per curiosità questa fantomatica salsa Alfredo
    3. Lo faccio già (tranne per i capelli che sono corti)
    4. Non so ci riuscirei, io ho bisogno di calma :)
    5. Forse il brodone americano lo proverei per curiosità ma non stando seduto al tavolo come quei finti intellettualoidi
    6. Mi impunterei fino alla morte ma la "CH" dura e la doppia "T" me le dicono! Altro che "bruscèda"
    7. Tutta la vita!
    8. Molto difficile per me, odio i fronzoli
    9. When in Rome do as romans do. Fa parte dell'integrazione, sono favorevole.
    10. Il mio sogno proibito! Niente buoni, niente storie, niente sbuffi, niente colpevolizzazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti impunti poi chissa' cosa ti portano invece della bruschetta, io preferisco adattarmi! :-) Lo stare seduti al tavolo da soli senza che nessuno ti guardi come uno sfigato credo che sia una grande risorsa per chi e' qui solo, io lo apprezzo!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Che spettacolo Mima, da quando abbiamo creato il gruppo mi sento sempre piu' felice!!

      Elimina
  5. La bruscetta, what a shame!!!!
    Cmq l equivalente di sorry I'm italian (przepraszam jestem wloska) lo uso tutti I minuti pure io negli stessiu frangenti ahahaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto il mondo e' paese come dice mia mamma!!!

      Elimina
  6. Anche io all'inizio compravo la alfredo. Ora mi sono pentita e preferisco homemade. Per la bruscetta: mi impunto e insegno al cameriere di turno che si chiama brusketta. Come quando mio figlio lo chiamano Stefàno e io spiego che è Stèfano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la prima volta mi sono impuntata, ero al ristorante italiano e volevo che capissero le pronunce corrette...abbiamo ordinato melanzane alla parmigiana e ci hanno portato chicken marsala...ma piu', adesso storpio tutto come loro!!!

      Elimina
  7. Fortuna che sono VEG... che 'sta cosa del prosciutto la dicono tutti... :D

    RispondiElimina
  8. 3 e 7. confesso. e mi vergogno tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La 3 a me un po' piace, dopo la mia fighetta citta' d'adozione mi piace un po' di rilassatezza!

      Elimina
  9. Cacchio, il fatto che mi rifiuti di farle tutte (tranne la 3, ma quello è il mio stile di vita normale, anche in Italia) mi fa capire sempre di più quanto io non c'azzecchi proprio niente con gli Usa! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai non abiamo piu' neppure bisogno di conferme! :-D

      Elimina
  10. La 1 la uso regolarmente con il mio compagno che e' british ma adesso dopo tanti anni e tanti giri in italia mi ha sgamato quindi devo trovare qualche altra scusa, la 8 continuo a rifiutarmi, rispondo ai gridolini con un grugnito e se dovessero dirmi qualcosa userei la 1 !! Brava Baby, divertente questo post e come sempre..cosi vero anche se quella di riportare indietro le cose dopo mesi te la invidio un po' ...qui non mi sembrano cosi avanti purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono un po' di gomma e per certe cose mi adatto, con le mie conversazioni fiume ottengo ottimi risultati anche alla dogana e ai controlli!

      Elimina
  11. carino! ora mi leggo anche gli altri post della serie...soparttutto non sono mai riuscita a trafugare salame e prosciutto, mi hai aperto un mondo! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non so se ho avuto solo tanta fortuna, ma sono arrrivata a luglio in Usa con due salami in valigia...che e' stata aperta ma senza intaccare i salami. In realta' da maggio 2013 dovrebbe essere legale ma nessuno sa se per tutti o solo per i commercianti!

      Elimina
  12. la 10 la 10 la 10!! E' la mia! Mia madre ancora si commuove quando vede che mi restituiscono i soldi...anche cash...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii, io lo trovo sempre stupefacente!!!

      Elimina
  13. ahahaahah stupenda sta catena... Leggervi è un pò come girare il mondo rimanendo lo stesso in madre patria! Un bacio e un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Girare il mondo con questa catena e' come stare appesi alla stessa culla della mamma Italia. Si, facciamone una puntata radio per ogni post. Vuoi partecipare anche tu dall'OHIO? Cosi' poi ti do' il link della puntata e puoi mettere il tuo collegamento voce con noi sul tuo blog, se vuoi. Fammi sapere, ho attivato la notifica dei commenti.

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. E, dopo piu' di un anno, le sottoscrivo ancora tutte! :-)

      Elimina