lunedì 30 dicembre 2013

Buon anno!!

E sono gia' finite le vacanze italiane, oggi sono in lab anche se credo che ci mettero' tutta la settimana per tornare riallineata..a questo punto tanto valeva ritornare direttamente il 5 (se avessimo avuto le ferie...).
Sono frastornata e confusa, come ad ogni ritorno.
L'ho gia' detto a luglio e lo ripeto, staccarsi dopo 10-15 giorni e' molto difficile perche' alla fine ti prendi solo il bello del paese dove sei nata ed e' ovvio che lasciare parenti, amici, buon cibo, nessuna casa da pulire e nessun lavoro da consegnare..beh, non si fa mica tanto volentieri. Quei pochi giorni sono il tempo giusto per stare solo bene (che io poi non ci sia riuscita per colpa della mia fottuta ansia e' un altro discorso, ma tanto quella mi segue ovunque vada!!). Le lamentele dei genitori sono sopportabili per un tempo limitato, i nipoti despoti li hai visti giusto 3-4 volte, gli amici hanno sempre tempo per te perche' tanto sanno che ci sei solo per una settimana, non devi fare i conti a fine mese con nessun stipendio appena sufficiente e se anche perdi 3 ore in banca tanto non c'hai niente da fare tutto il giorno...
Ecco, ho fatto giusto in tempo a infastidirmi per un cameriere poco gentile e per la scritta "non si fanno conti separati, non si accettano bancomat o carta di credito" in un ristorante, ma niente di cosi' drammatico da farmi dire che non vedevo l'ora di tornare in Usa.
Mi e' mancata casa nostra, questo si'. Soprattutto mi e' mancato un posto 'nostro' dove stare, invece che andare dai suoi o dai miei, insieme o divisi.
Lo ammetto, ho cercato con il lanternino qualcuno che mi dicesse che la situazione italiana non era cosi' terribile come si sentiva da qui, qualcuno che mi desse qualche speranza che tornare non fosse pura utopia. E l'ho anche trovato, ma in una percentuale talmente minoritaria rispetto a chi era senza lavoro/senza straordinari pagati/in cassa integrazione/retrocesso di 10 anni...
Che poi, non lo so piu' neppure io cosa voglio davvero e dove.
Potrebbe essere questo il mio unico proposito per questo 2014 che sta bussando alla porta: capire finalmente cosa voglio fare!!
Se voglio davvero un figlio e non lo faccio solo per ansia/paura/depressione o quello che e'...o se invece non e' ancora un desiderio cosi' forte e anche se la logica mi dice che non ho piu' 20 anni davanti, l'orologio ancora non ticchetta in me in modo cosi' assordante.
Se voglio sputare sangue ancora in questo lavoro o se invece cercarmi qualcosa di piu' modesto ma che mi lasci piu' tempo per me e non mi riempia tutti i pensieri sovraccaricando i miei gia' provati neuroni.
Se voglio vivere una vita da cicciotella (come sono indulgente con me oggi) e accettarlo o se voglio fare davvero qualcosa per risolvere questa cosa una volta per tutte, invece che crogiolarmi nella lagna e nel vittimismo.
E tanto altro ancora.
Capire cosa desidero sul derio e fare il possibile per arrivarci, prendere delle decisioni oneste e coerenti senza farmi influenzare da sensi di colpa e condizionamenti...delle scelte di cui poter finalmente incolpare solo me stessa!
E con questo chiudo e auguro a tutti un bellissimo 2014!

15 commenti:

  1. Bellissimi e veramente difficili i tuoi propositi, ti auguro di portarli a termine tutti! Buon 2014!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, alla fine si riduce tutto a uno: capire cosa voglio!! Buon anno!!!

      Elimina
  2. ottimi propositi... molto simili ai miei. Io però prima devo trovare qualcuno con cui farlo un figlio! :D
    Auguriiii :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dettaglio irrilevante! :-)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Io direi: downshifting col lavoro, piu' tempo per palestra e ammmore, e poi baby e vissero felici e contenti :-)
    Pero' queste sono le mie, di risposte, ma chiaramente le tue devi darle tu, e gia' il proposito di cercarle e' ottimo. Buona ricerca nel 2014!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, vediamo se riusciro' a trovare queste risposte e quali saranno!! Buon anno!!!

      Elimina
  4. Approvo ogni parola che hai scritto e mi ci rivedo tanto.
    Soprattutto la parte dei "figli" o del giusto tempo da passare in Italia... senza rimanerne invischiati
    Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo quali risposte ci portera' questo nuovo anno....a te un enorme in bocca al lupo per la svolta!!!

      Elimina
  5. Quello che ho capito della vita e' che quando hai trovato le risposte sono cambiate le domande! E gia' proprio una bella fregatura ma alla fine credo che soprattutto quando si vive all' estero, e non solo, si naviga a vista e questo un po' e' il bello e un po' e' la parte piu' dura...che ti posso dire: cerca di goderti il bello che gia' c' e' e magari questo ti aiutera' a capire meglio...riguardo al figlio non credo sia una cosa che si risolve con l'intelletto, ci si puo' pensare per secoli ma poi e' piu' una cosa legata alle sensazioni, caso, fortuna, amore, istinto...una cosa alla volta e poi i tasselli vanno a posto! Buon anno!

    RispondiElimina
  6. Io non guardo troppo avanti, cerco di vivere giorno x giorno. Il futuro mi mette ansia, mi spaventa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me spaventa ma non riesco a fare a meno di guardare avanti!!!

      Elimina
  7. Tantissimi auguri di buon anno! Magari fai un proposito per volta, eh, che questi qui tutti insieme mi sembrano un po' massicci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che sono stata un po' ambiziosa? e dire che avevo detto 'niente propositi azzardati per il 2014'!!

      Elimina