venerdì 13 dicembre 2013

Il mio termometro della crisi

Ha ceduto anche lei.
Mia mamma.
Quella che ha sempre negato negato negato che l'Italia fosse in crisi perchè confermarlo avrebbe avvalorato la mia scelta e distrutto le sue illusioni sul mio ritorno a breve.
Quella che ogni volta mi portava esempi di amici e parenti che ce la facevano benissimo senza andare così lontano.
Quella che mi elencava tutti i nuovi centri ricerca che avevano aperto in Italia per convincermi a mandare il curriculum, con la sua cieca fiducia che mi avrebbero assunta subito (e a tempo indeterminato, ovviamente).
Oggi anche lei lo ha ammesso, per la prima volta.
Mi ha detto che là c'è un gran casino,
che abbiamo fatto bene a venire qui,
che "meno male che hanno messo via qualche soldo in passato perchè con le pensioni non ci starebbero dentro",
che le spese aumentano sempre di più insieme alle tasse e ai ticket,
che tutti promettono promettono e nessuno fa mai niente, si mangiano solo più soldi....e nessuno ci crede più.

Lo so, niente di nuovo e niente che non sapessi già...ma sentirlo da lei lo ha fatto sembrare ancora più reale e drammatico.

15 commenti:

  1. Idem sentirlo da mio padre esattamente l'anno scorso, famoso per la sua contrarietà ad ogni forma di spostamento persino dal proprio paesello. Adesso sta proprio sfasato, tra clienti che danno di matto e la gente che sta proprio completamente fuori di testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sentirlo dire persino da lei non mi ha fatto piacere nè ha cambiato quello che pensavo già, l'ha solo reso ancora più reale...

      Elimina
  2. E' purtoppo un' amara soddisfazione quella di sentire finalmente avvalorata la propria scelta basandosi su una triste verita' ma penso ti regali anche piu' forza sapere che adesso hanno capito e se non altro i nostri genitori sono al riparo dagli inevitabili disastri che invece toccheranno ai giovani che restano...il nostro meraviglioso paese che ci manca tanto non ci puo' regalare la vita che desideriamo, purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' verissimo e illudersi di poter tornare a breve o di poter avere un futuro lì è purtroppo solo questo ormai, una triste illusione. Non mi ha fatto piacere, ma almeno so che adesso anche lei ha capito che non c'erano (e non ci sono) alternative.

      Elimina
  3. eh già .. In Italia la gente si è sempre disinteressata perchè le cose bene o male andavano... ora siamo sul baratro e iniziano le consapevolezze generali.. chissà dove finiremo. Ma io sono positiva. O almeno provo ad esserlo :) Comunque penso che per te queste "rivelazioni" hanno il sapore di conquista da una parte e amarezza dall'altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PIù che una conquista almeno so che adesso capisce e non cerca più di farmi sentire in colpa per aver mollato...io ti dico sinceramente che ci spero ancora che prima o poi le cose si risolvano, non mi fa certo piacere che il mio paese coli a picco anche se io me ne sono andata!

      Elimina
  4. Cara baby pure mio padre eterno positivo mi ha detto posso venire da voi???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sentirli dire così ti fa capire che hanno davvero perso la speranza, loro che pensavano che cmq sarebbero sempre rimasti a galla!

      Elimina
  5. Carissima, credo che tua madre sia stata fin troppo contenuta.
    Quello che ha scritto Solare sopra è tragicamente vero....questo paese non ci potrà regalare più quello che desideriamo, e meritiamo, aggiungo io. C'è chi non può fuggire, (l'unico termine che mi viene in mente per descrivere la voglia di andare via di chi vive quì) e deve quindi vivere in una maniera umiliante e vergognosa, rappresentati da gente che del potere politico ne ha fatto una sorta di autorizzazione al ladrocinio. La vostra nostalgia da expact la capisco, ma visto quello che siamo diventati e quello che sta per diventare questo paese, non la posso accettare. Avete fatto la scelta giusta, dolorosa, ma giusta. Coraggiosa sicuramente ma comunque sempre giusta.
    Da parte vostra non deve esserci nessun pentimento ......MAI !!!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, lo dico sempre anche a mio marito di quanto dobbiamo cmq ritenerci fortunati perchè abbiamo avuto la possibilità di venire via, che non tutti hanno. La nostalgia non la posso evitare, quello che ti posso dire è che non sono pentita, solo dispiaciuta per essere potuta restare nel mio paese con la possibilità di guadagnarmi onestamente una vita normale e serena.

      Elimina
  6. Anche mia madre qualche tempo fa ha pronunciato una frase che mai avrei immaginato sentirle dire: "hai fatto l'unica scelta possibile". Wow.

    RispondiElimina
  7. Ma no che non è vero!
    Lo dicono tutti che il prossimo anno usciremo dalla crisi........il problema è che lo stanno dicendo da almeno otto anni.

    E' un pò come la fine del mondo, pentitevi perchè è vicina....da almeno 1000 anni.

    Un anno fa, una giornalista ha detto in un lapsus che ci sarebbero voluti 50 anni per uscire dalla mer.a, secondo me è stata profetica e anche un pochino ottimista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mia mamma apparteneva a quelli che credevano che la fine delle crisi forse davvero vicina....ora non piu'...50 anni mi sembra piu' realistico in effetti!

      Elimina