venerdì 31 gennaio 2014

Ospiti indesiderati

Un topo (o piu' di uno, non lo sappiamo) ha invaso la nostra casa e io sto rischiando un esaurimento nervoso.
Le prime inequivocabili tracce sono comparse un paio di settimane fa. Uno schifo indicibile!! Ho lavato a 100 gradi tutti gli utensili della cucina e ho cominciato a disinfettare il piano di lavoro ogni mattina e ogni sera, consumando in pochi giorni almeno un ettaro di foresta di carta casa.
Siamo corsi ai ripari subito spargendo colla ovunque...in cui sono finita dentro solo io, quando la mattina mi alzavo e andavo sciabattando in cucina senza occhiali e con gli occhi ancora semichiusi.
Poi siamo passati alla trappole tecnologiche, messe sotto al lavello dove si concentrava il 100% del traffico topinide (cioe' dove il bastardo lasciava abbondanti prodotti di degradazione della sua alimentazione). 
Una sera ho sentito il rumore della trappola che scattava e si richiudeva, era una trappola speciale a tenuta stagna e quindi l'abbiamo buttata anche se dal peso non siamo riusciti a capire bene se era piena o vuota. 
Sembra tutto finito, per ben 10 giorni ho ritrovato la pace...nessuna nuova traccia, anche quando siamo stati via l'intero week end e il maledetto aveva avuto tutto il tempo di scorazzare per la casa vuota.
Piano piano ho ricominciato a rilassarmi, ho tirato fuori i mestoli, ho smesso di toccare tutto con i guanti e di sentirmi i sintomi della leptospirosi (lo so, qualcuno dovrebbe mettere un filtro per impedirmi l'accesso ai siti medici!!).
Ma la tranquillita' faticosamente guadagnata e' stata gia' spezzata, ancora piu' dolorosamente. 
Sabato ho preso in mano l'aspirapolvere e mi sono accorta che dietro c'erano diverso segni della presenza del topo....allora ci siamo messi a perlustrare la casa palmo a palmo e ne abbiamo trovate altri sotto al letto, nello sgabuzzino delle scarpe e dietro al water. Non so piu' cosa fare, comincio a pensare che se ne vadano (puo' un topo solo produrre scarto come un cane di piccola taglia??? secondo me no, deve aver chiamato anche degli amici nella nuova casa...) in giro da un piano all'altro attraverso i condotti di areazione e riescano a eludere tutte le trappole che abbiamo piazzato!! Resistono alla tentazione delle gocce di cioccolato, del grana padano italiano, delle foto di topine nude, del burro di noccioline....Sono disperata!!!!
...il Tecnico ovviamente e' solo vagamente infastidito!
 
 
qui

29 commenti:

  1. oh nooooooo!!!!!!!!!!!
    noi abbiamo avuto il topo in casa diverso tempo fa quando eravamo ancora a roma, per mia "distrazione": era estate e avevo lasciato la finestra della cucina aperta di notte, e appunto la mattina ho trovato "tracce" sotto il lavello :-/
    non sapendo a quel punto se era dentro o fuori casa abbiamo continuato ad avere la finestra aperta e a tenere chiuse le porte di camera e bagno (mentre cucina e salotto erano comunicanti)... abbiamo messo veleno e trappole con la colla...
    la notte dalla camera da letto sentivo i rumori in cucina e piangevo :-/
    alla fine abbiamo chiamato una "ditta" specializzata che e' venuta a mettere altre trappole, e finalmente una mattina lo abbiamo trovato attaccato sulla tavoletta con la colla :-/
    che orrore!!!

    da come descrivi tu potrebbe essere benissimo che circolano dai canali dell'aerazione!!
    riescono a schiacciarsi e a passare dalle fessure piu' piccole :-/
    direi che a questo punto bisogna mettersi d'accordo con i vicini e affidarsi a una ditta di disinfestazione
    hai tutta la mia solidarieta', non so come hai fatto a resistere cosi' tanto, a me sarebbe gia' venuto un esaurimento nervoso... anzi, a me era venuto solo per le formiche :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema qui e' anche tenerlo confinato in una stanza, le porte non ci sono (maledetti open-space!!) e se ci sono non arrivano al pavimento ma resta una fessura di qualche cm. Oggi abbiamo disseminato la casa di nuove trappole e chiuso alcuni buchi, se non funziona in breve tempo chiameremo una ditta specializzata!

      Elimina
  2. Nuuuu che schifo i topi! Io abito al piano terra ma per fortuna avendo tre animali al massimo uno sfortunato è arrivato in giardino ed è stato seccato dal cane. Cmq qui si vedono più ratti che topi quindi BRRRRRRR.
    Oddio penso che sbroccherei a trovare le cacche di topo in casa! Hai tutta la mia solidarietà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna si tratta sicuramente di un topino di campagna e non dovrebbe portare malattie come i ratti, ma lo schifo e' lo stesso!!

      Elimina
  3. Non ti invidio! Noi stiamo fronteggiando un'invasione di formiche, noiose ma meno schifose...certo, se le mie figlie la smettessero di cospargere di briciole tutta la casa, le nostre probabilità di successo sarebbero maggiori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se il tecnico la smettesse di sbricolare ovunque e lasciare croste di formaggio nel secchio del pattume forse aiuterebbe!

      Elimina
  4. Allora ti dico che io mi sono fatta mesi di giri qui in australia e ho dovuto affrontare ragni super giganti, serpenti, insetti e di ogni ma, se solo avessi il sospetto di avere un...non riesco neanche a scriverlo...potrei davvero avere problemi! Ne ho la fobia e secondo me tu sei tostissima, io sarei gia' scappata ma io sono un po' patologica! Chiama la disinfestazione, subitissimo! Fai pagare l'agenzia, in fondo sei li da poco...oddio che incubo, ti pensero' ma non so mica se ce la faccio a pensarci! Coraggio...lo vedi so patetica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa a me e non al topo!! Fanno schifo anche a me eh, solo che da quando ci lavoro in laboratorio per forza di cose mi danno meno fastidio e non urlo piu' quando li vedo...anche se in lab almeno so che sono puliti e sani, qui piu' che il sorcio in se' mi da' fastidio il pensiero delle malattie!

      Elimina
    2. E' vero ...tu sei biologa quindi...oddio non ci posso pensare pero' da oggi tu sei il mio mito! Non capisco perche' ti sottovaluti cosi tanto, lo vedi quanto sei forte!

      Elimina
    3. Anche io ci lavoro, ma ho la testa a compartimenti stagni. Un conto sono gli esperimenti e un conto sono quelli selvatici. Anzi una volta me ne stava scappando uno e ho avuto davvero poco sangue freddo.

      Elimina
    4. Agnes, anche a me ne e' caduto uno in lab e ho caciato un urlo!! Si' ci si abitua ma mai del tutto (almeno io)...quando sono stata dai miei per le vacanze mia mamma voleva che prendessi il topo per la coda e lo portassi via...le ho detto che lo avrei fatto solo se mi dava alcol, ghiaccio secco e tripli guanti!

      Elimina
  5. Mi sa ti tocca disinfestazione con ditta specializzata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tentiamo un ultimo attacco e se non funziona chiameremo uno squadrone di esperti!!

      Elimina
  6. nella casa in cui vivevo prima avevo di questi problemi. I topi vivenano anche nei miei incubi.
    Avevo le perline e si annidavano lì dietro, le abbiamo provate tutte, ma tornavano sempre. Quando ce ne siamo andati, il padrone di casa ha tolto le perline, (prima no neh???) ero presente quel giorno....ho vomitato. Se non siamo morti di qualche malattia rare è stato un miracolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si', e' vero, sono i loro posti preferiti...una mia amica viveva in un appartamento livello mansarda e vedeva la coda dei sorci penzolare tra le perline, uno schifo indicibile...io se riesco ad addormentarmi poi non li sogno, ma stanotte che non riuscivo a prendere sonno me li immaginavo girare sul letto!!!

      Elimina
  7. Odddio nooooooo, ma non potrebbe essere che le tracce sona ncora di quello vecchio e defunot?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, magari alcune ci potevano essere sfuggite, ma quelle dela zona aspirapolvere le avremmo viste!!

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Fate derattizzare e prendete un micio!
    Vivo in piena campagna col mio gattone in casa e sto super tranquilla che se qualcosa dovesse provare ad entrare viene bloccata all'ingresso.

    Intanto provate a mettere delle zanzariere di metallo "antirosicchiamento" davanti le bocchette dell'areazione se pensate possano passare da lì e bloccate ogni via d'accesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uff qui non possiamo avere un micio perche' la padrona non vuole, altrimenti lo avrei gia' preso...perche' mi piacciono molto e perche' mi avebbe difeso da quegli esseri immondi!! La tua idea mi e' sembrata geniale e abbiamo chiuso con la rete tutte le bocchette del piano di sopra...mentre attorno a quelle del piano di sotto adesso c'e' una selva di trappole!
      '

      Elimina
    2. Ottimo! Sono felice di essere stata utile! ^___*

      Elimina
  10. Risposte
    1. Cercavo di attirarlo in ogni modo! :-D

      Elimina
  11. Ma parliamo di un topino di campagna in trasferta o di suo cugino la pantegana?

    Nella mia vita precedente la fabbrica dove lavoravo era assediata da orde di toponi, usavamo veleni e trappole a bizzeffe per tenerli lontani dai nostri prodotti. Un anno scoprimmo che ne sottotetto della portineria ce ne'erano centinaia che bivaccavano senza che avessimo mai avuto sentore che fosse là la loro base operativa (davamo per scontato che arrivassero dalla campagna).
    E' una faccenda che va approfondita seriamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No per fortuna pensiamo che sia un topino campagnolo venuto in casa per sfuggire al freddo polare di queste settimane, ci e' parso di intravederlo una sera ed era davvero piccolo piccolo!

      Elimina
  12. Io sono vegana e l'anno scorso, causa coinquiline zozze, siamo state prese d'assalto dai topino. Per principio però io non volevo derattizzare o usare trappole, e allora alla fine sono riuscita ad eliminarli così:
    1) capire da dove entrano e chiudere il buco di accesso. Se il buco non si può chiudere perché è una ventola, comprare una boccetta di olio essenziale di menta e versarcene una quantità abbondante
    2) con lo stesso olio essenziale strofinare abbondantemente tutte le zone dove è passato il sorcio
    3) occhio ai ristagni d'acqua: spesso i topi entrano nelle case perché hanno sete, bevono l'acqua del filtro del frigo. Versare menta anche lì.
    4) togliere di mezzo cibo e mollichine, il topo non deve trovare nulla
    5) farsi regalare un po' di pelo di gatto, e metterlo in una bustina nelle zone incriminate
    6) farsi regalare terriccio sporco di lettiera di gatto e metterlo fuori, nelle zone dove si pensa che il topo passi
    7) attaccare fuori dalla finestra una piccola bottiglietta di vetro e un chiodo e qualcosa di metallico che ci sbatta contro, i topi odiano quel rumore.
    8) mettere sul davanzale o tenere in cucina una piantina di menta

    Io con questi rimedi ho risolto il problema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo letto da qualche parte della mente, mi sa che me la procuro e ci provo, mal che vada avremo cmq avere il profumo dell'olio essenziale che circola attraverso le bocchette dell'areazione. Una mia collega ha sparso lettiera sporca fuori per risolvere il problema, non le ho mai chiesto poi se aveva funzionato!

      Elimina
  13. Sai come si dice a Londra? You are never more than 6ft away from a rat!!! Purtroppo non sempre uccidere un topo raggiungere lo scopo. Se c'è una colonia nelle vicinanze, nel momento che un individuo viene ucciso, le femmine figliano ancora di più, per sopperire alla perdita. O si derattizza a ritmo continuo, o dopo pochi mesi, ci si trova alla prese con un numero ancora maggiore. Senza dimenticaer che iniziano a presentarsi topi resistenti ai principali veleni (anticoagulanti), oppure sempre più abili a fronteggiare le trappole. In una colonia è stato osservato che il "capo" manda un topo a "sacrificarsi" e assaggiare un'esca. Se viene catturato o se muore avvelenato, i topi eviteranno con cura quel genere di esche. Pare che l'unica soluzione sia costituita dai repellenti. Che per fortuna sono diffusi e molto efficaci. I topi, semplicemente, cercano atri lidi.
    Ciao

    Alberto

    RispondiElimina