mercoledì 16 aprile 2014

Adesso siamo in due a ballare l'hully gully (del precariato)

Nel caso fosse rimasto qualche dubbio sulla famosa decisione che ci aspettava, lo sciogliamo subito. Da oggi il Tecnico mi ha ufficialmente raggiunto nel mondo del precariato eterno!
Ieri era il suo ultimo giorno di aspettativa, per cui non essendosi presentato oggi al lavoro e' stato automaticamente licenziato.
Lui come sta?
Abbastanza bene, si sente strano perche' e' stata la sua vita per piu' di 10 anni e perche' sa che non si potra' piu' tornare alla vita di prima. Un po' spaventato, ma comunque sicuro di se' perche' ha preso questa decisione con consapevolezza e l'ha meditata molto.
E io?
Io ho passato la giornata di ieri a dirgli che eravamo ancora in tempo a correre in aereoporto e tornare in Italia prima che lo licenziassero, ma non e' servito a nulla. :-D
Sapevo benissimo da mesi cosa aveva intenzione di fare, ma adesso che e' tutto reale fa tanta paura. 
Non voglio sembrare un'ingrata, so che devo essere riconoscente che in un momento di crisi pesante come quella che sta attraversando l'Italia, sia io che lui abbiamo un tipo di lavoro che ci ha permesso di andare all'estero e stare meglio. 
Lo so bene. 
Ma una piccola parte di me continua a battere la testa contro il muro e chiedersi perche' la vita non e' andata come la avevo desiderata fin da piccola. Che poi, mica avevo dei sogni cosi' grandiosi. Volevo un lavoro che mi piacesse e mi desse da vivere discretamente, stare con un uomo che amavo e non troppo lontano dagli amici e dalla famiglia. Faccio cosi' fatica ad accettare che non sia andata cosi' e adesso mi sembra ancora piu' certo e ineluttabile.
Tra l'altro domani partiamo per il Peru e l'ansia del viaggio non mi aiuta di certo ad affrontare com serenita' il resto. Continuo a sperare che al nostro ritorno Cbus ci omaggi con la tanto agognata primavera e anche la mia mente possa risvegliarsi piena di fiori e di colori come i prati. Mi sento grigia dentro.
A questo proposito, poiche' Ottimismo e' il mio secondo nome, vorrei lasciare per iscritto le mie ultime volonta' nel caso che muoia per l'altitudine:
- Vorrei che sulla lapide ci fosse scritto chiaramente "di anni 34", perche' non ne ho ancora compiuti 35
- Vorrei che ci fosse scritto anche "ve lo avevo detto che l'altitudine era molto pericolosa e voi avete pensato che fossi la solita esagerata"
- Vorrei essere cremata e che le mie ceneri siano messe in un vasetto tamarro e di gusto un po' trash come me, qualcosa tipo fucsia o rosso, meglio se con paillettes o brillantini
- Voglio che tutti i miei averi siano dati in beneficienza...avevo pensato ad un fondo per i nipoti (no, non pensate a chissa' quanti soldi, tipo che ci possono comprare un motorino ecco) ma il rischio che se li intaschino mia sorella e mio cognato  mi ha fatto desistere! :-)
- Voglio che il Tecnico usi i soldi della mia assicurazione sulla vita per prendersi un anno sabbatico (tanto non ha piu' un lavoro fisso) e fare il giro del mondo....cosi' potra' rifarsi di tutti i viaggi che gli ho impedito di fare o che ho rovinato con la mi ansia.
Adieu! :-*

20 commenti:

  1. Ahaha! Sei fantastica.. E pure generosa!! ;)
    Non vedo l'ora di vedere le foto!!!!!
    Buon viaggio, :*

    RispondiElimina
  2. Vi ammiro tanto per la scelta fatta, non è da tutti mollare il "posto fisso"! Buon viaggio, ci vediamo a Miami (spero!)

    RispondiElimina
  3. Sei troppo forte!!!!
    Buon viaggio e aspettiamo le foto!!!

    RispondiElimina
  4. baby mi fai troppo ridere......Buon viaggio

    ps grandi per la scelta, io faccio tanto l'ottimista, ma a dicembre dovrò licenziarmi e so già che avrò una crisi vera. E la paura sarà tanta.

    RispondiElimina
  5. Buon viaggio! !!!
    goditelo tutto fino in fondo :)

    RispondiElimina
  6. Ma beati voi che ve ne andate in Perù!
    Buon viaggio!

    RispondiElimina
  7. Pk, le ultime volontà sono state registrate, ora goditi il viaggio!!!
    Sai che anch'io, prima di partire lascio una lettera sul comodino della mia stanza con scritto: aprire solo se non faccio più ritorno. Ogni volta però cambia il contenuto a seconda degli avvenimenti

    RispondiElimina
  8. Per la seconda parte del post ti dico solo non essere sciocca...tornerai sana e salva a raccontarci le tue avventure! Per la prima parte ti dico che le cose che tu hai elencato come le piu' semplici: un amore, amici vicini e un lavoro sono conquiste molto difficili anche se apparentemente semplici...welcome tra noi irrequieti expat seriali! Buon viaggio!

    RispondiElimina
  9. Anche io darei tutto in beneficenza. Nessuno mai dovrà indossare i miei vestiti!
    Scherzi a parte, spero che questa sia le decisione migliore per voi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. leggo che ormai sei gia' sul secondo volo...goditela!

    RispondiElimina
  11. buon viaggio, è una delle mete sulla mia to do list! :)
    e come hai detto tu...lui aveva già deciso molto tempo fa. Semplicemente perché lo rende felice.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. buon viaggio... e ricordati le foglie di coca, non scherzo, servono per l'altitudine a farti assorbire piu' ossigeno e farti stare bene.

    RispondiElimina
  13. Ahaha bellissima, buon viaggio

    RispondiElimina
  14. Allora...sei ancora vivaaaaa?
    Dai che non hai niente di cui scusarti con il Tecnico, che lo sai pure tu che alla fine ti butti e le cose ti riescono pure bene! Buone vacanze!

    RispondiElimina
  15. Nelle tue parole vivo un po' il nostro futuro... chissa' se avremo la forza di non salire su quell'aereo. :)

    RispondiElimina
  16. Hahahahaha! Pazzerella! Lanciati in questo viaggio che, ti auguro, possa essere l'inizio della tua coloratissima primavera! <3

    RispondiElimina
  17. Sono proprio curiosa di sapere come sta andando... :-D

    RispondiElimina
  18. ieri mia sorella ha comunicato all'assicurazione internazionale che io sarei l'erede dei suoi possedimenti.
    il mio pensiero unico da quel momento: caxxo, ora ho un movente!

    RispondiElimina
  19. Dai svagatevi e divertitevi :) al rientro sicuro arriveranno buone notizie!!

    RispondiElimina
  20. Avrebbe potuto succedere anche che, cadendo l'aereo sulla Cordigliera delle Ande, i sopravvissuti fossero costretti a cibarsi del tuo cadavere. Così niente cremazione e niente vasetto vintage.
    (scrivo questo perchè ho spero che non sia successo)

    RispondiElimina