lunedì 2 giugno 2014

Le lucciole

Nel giardino della casa dove abitavo prima qui a Cbus c'erano tantissime lucciole e questa sera ho finalmente scoperto che ci sono anche qui nella casa nuova! Non le vedevo da tantissimo, almeno non negli ultimi 10 anni passati in cita'.
Ogni volta che vedo una lucciola non posso fare a meno di emozionarmi, perche' mi ricordano la mia infanzia al paesello, quando facevo la passeggiata serale con mia mamma e restavo affascinata da quelle luci intermittenti che ballavano nei prati, cosi' tante da illuminare la notte. La tentazione di rubare un po' di quella magia era troppo forte e a volte tornavo a casa con una lucciola nel vasetto, con quella crudelta' candida dei bambini che veniva punita dallo scoprire che alla luce del giorno la magia scompariva e restava un piccolo insetto nero e sofferente. Ogni tanto ci riprovavo, testarda nel volere catturare quella che pensavo fosse la materia delle fate per averla sempre con me.
Ho nostalgia di quella me bambina, il cui mondo era tutto racchiuso nel piccolo quartiere dove facevamo la passeggiata. A cui bastavano pochissime persone per essere felice e quelle persone erano tutte a portata di abbraccio. E che credeva nei sogni, nelle fate e nella magia delle lucciole.
Ecco, quando ne vedo una mi sembra di ritornare un po' quella bambina li' e la nostalgia mi coccola e mi scalda come un abbraccio.
 
 
L'amore è una notte che s'inarca
in un sacro pergolato,
un cielo che si fa prato
dove le stelle sciamano
tramutandosi in lucciole

(K. Gibran)

16 commenti:

  1. A me le lucciole fanno lo stesso, identico effetto: ricordare i miei giorni da bambina..

    RispondiElimina
  2. ah, no, che nostalgia!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Forse e' un po' vero che la felicita' sta nel contenere piu' che nell'espandere, l'importante e' non perdere mai di vista i confini secondo me, cosi che poi al momento giusto quando ill cerchio si chiudera' nuovamente noi potremo ritrovare un po' di quella sana e rassicurante felicita' fatta di spazii piccoli e conosciuti e perche' no..pure con le lucciole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spazi piccoli e conosciuti sono quello che fa per me, meglio se pieni di lucciole!

      Elimina
  4. Anche io le catturavo con mia madre, nel nostro giardino. Ed anche io venivo colta dalla stessa delusione quando il povero animaletto si rivelava tale il giorno dopo, alla luce del giorno. Che nostalgia! Dalle mie parte le lucciole non si vedono quasi più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel mio paesello non si vedono piu', mi sono cosi stupita quando le ho ritrovate qui l'anno scorso!

      Elimina
  5. La prima volta che ho visto una lucciola ero ventenne ed ero al Gianicolo. Le ultime le ho viste in Italia, lungo una strada di campagna che facevo per tornare dal mare. Era bellissimo attraversare la notte con tutte quelle lucine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se rovino la poesia ma continuo a pensare a Vavi e al suo commento sulle lucciole sulla strada di campagna....

      Elimina
  6. Anche per me stessa nostalgia dell'infanzia. Le mie le salvava la mia adorata nonna sollevando il bicchiere una volta che mi ero addormentata. Qui speravo di vederle ma niente per ora, chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero piu' crudele, vasetto Bormioli con tappo a vite...

      Elimina
  7. Sono proprio magiche, hai ragione... e portano con loro un po' di nostalgia per quel piccolo mondo felice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si', mi fanno sempre sentire come se stessi vedendo qualcosa di magico!

      Elimina
  8. La prima volta che ho visto le lucciole e' stato qui in Usa. Ce ne sono tante all'eremo e mio figlio, come te da bambina, vuole catturarle e metterle in un barattolo di vetro. Io continuo ad invitarti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'eremo si sta confermando sempre di piu' il mio posto ideale! Ah ma prima o poi ci vengo!!

      Elimina