domenica 8 giugno 2014

Non ho piu' l'eta' (3)

Ci risiamo.
I 35 anni si avvicinano e sento che con loro si sta avvicinando una crisi come quella che ho avuto a 30. 
Non mi so rassegnare agli anni che avanzano. 
Oh, intendiamoci, non penso sia una cosa cosi' strana, a nessuno piace invecchiare, con tutto quello che comporta. Anche il Tecnico, uomo notoriamente zen, mal sopporta il fatto di non sentirsi piu' un leone capace di fare tutto, di stancarsi molto prima e di aver bisogno di piu' tempo per recuperare le fatiche. Pero' e' solo il declino fisico a preoccuparlo, mentre non lo disturba affatto che sia ormai passata l'eta' della discoteca, delle notti in giro e dell'irresponsabilita'.
Io invece faccio tuttora una fatica boia ad accettare il fatto che devo crescere, anzi che sono gia' paurosamente in ritardo!!
Le ragioni le ho gia' dette in passato. 
Secondo la mia vecchia psicologa i miei genitori mi avevano tenuto la mano per troppo tempo, impedendomi di crescere quando era il momento giusto, per cui mi ero ritrovata a fare i passi dell'adolescenza a 30 anni. E crescere cosi' tardi comportava una fatica doppia rispetto al farlo al momento giusto.
Poi c'e' anche il fatto che mi sono resa conto di essere stata troppo responsabile quando ero ventenne, di aver fatto davvero poche cazzate, per cui mi sento come se mi mancasse una tappa che ovviamente non posso piu' recuperare senza risultare ridicola.
Tutto questo per dire che ho passato giorni a tediare San Tecnico sul fatto che facevamo una vita da pensionati. che le uniche uscite erano per andare a cena come i miei genitori o nei parchi a camminare, ecc. 
Cosi' ieri sera abbiamo deciso di andare al Park Street Festival, una grande festa all'aperto nella via della nightlife di columbus, con cibo, musica dal vivo e alcol a fiumi. Non so come, ci siamo addormentati alle 7, prima di cena, per poi  risvegliarci alle 8 passate, completamente rincoglioniti. Abbiamo mangiato qualcosa, ci siamo preparati e siamo usciti. Siamo arrivati al festival e prima di entrare ci hanno fatto un timbro sulla mano come una vita fa all'entrata della discoteca. La musica era a palla e non si riusciva a parlare mentre attorno a noi orde di ragazzini e qualche patetico anzianotto ballavano in mezzo alla strada. Molti erano gia' ubriachi spolpi perche' erano li' dall'inizio della festa, a mezzogiorno. Noi abbiamo preso una birra e un cocktail in due. 
Dopo un'ora volevo andare a casa. 
Mi facevano male i piedi (grazie ai tacchi da figa che mi ero messa dopo mesi di tennis, stivali bassi e ballerine).
Avevo freddo perche' mi ero dimenticata la mia immancabile sciarpina (mentre le ragazzine attorno a me erano mezze nude e imperterrite).
Volevo bere un altro cocktail ma non potevo, perche' poi bisognava guidare fino a casa e qui se ti fermano con il tasso alcolico alternato ti arrestano e ti passi una notte in cella, con notevoli casini anche per il visto.  
E mi stavo anche rompendo le palle. 
Insomma, alla fine abbiamo tirato l'una (grazie al riposino pre-cena, mi sa) solo perche' in macchina con noi c'erano un paio di amici sotto i 30 anni e non volevamo rovinargli la serata portandoli a casa a mezzanotte.
Appena arrivata a casa mi sono messa le ciabatte e ho lottato per togliere quel fastidioso timbro dalla mano, quello che vent'anni fa avrei tenuto come trofeo.
Messaggio ricevuto forte e chiaro: sono vecchia! :-D

28 commenti:

  1. Ha ha ha haaaaaa questa sonora risata perche' a 35 pensi di essere vecchia, aspetta altri 10 poi ne riparliamo! Se ti puo' consolare in Italia i giovani tutti fanno tutto in ritardo secondo me perche' la famiglia e' piu' ingombrante che in altri paesi e tutto va a rilento quindi non ti caricare di sensi di colpa inutili, piuttosto goditela adesso!
    Mi hai fatto morire con la tua uscita serale, mi hai ricordato quando due anni faba Sydney siamo andati ad un festival di musica dove c'erano i Red Hot per cui io non me lo sarei perso per niente al mondo ma mi sono trovata in mezzo a migliaia di biondissimi teenagers che mi hanno fatto vacillare per un momento nelle mie intenzioni di restare per vedere la band ma poi mi sono detta chissene e mi sono pure divertita! Il giorno dopo ero a pezzi ma questo e' un dettaglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io infatti quest'anno sono stata a vedere BBking e a luglio Aretha Franklin, cosi' non corro il rischio di essere circondata da ragazzini! :-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. E io che ero partita cosi' carica in vista della mia serata 'forever young'!!

      Elimina
  3. Ciao collega!
    Anche i miei 35 si avvicinano...............
    la serata andata a male deriva dal fatto che certe cose non sono così divertenti come uno se le immagina prima! tutto è sempre più bello quando lo desideri, sembra chissà che quando lo immagini...
    se tutti sentono per forza esigenza di ubriacarsi... non era poi sto granchè, solo che se ne accorgono solo i pochi sobri presenti!
    ciao buon inizio di settimana!
    Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente dai, magari era solo una festa venuta male...l'anno scorso ero stata all'oktoberfest di qui e mi ero divertita da matti!

      Elimina
  4. ps: io la chiamo " la crisi di mezza età", che alle donne viene prima, secondo me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, almeno gli uomini tirano fino ai 50 prima di rendersi ridicoli! :-D

      Elimina
  5. Hahaha, conosco bene il tipo di serata! Quello che mi salva è che a me quelle cose lì non divertivano neanche a vent'anni, quindi non sento nessuna differenza! (E non c'è come dire che sei vecchia per diventarlo prima del tempo.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tecnico e' esattamente come te, non gli e' mai piaciuto ballare quindi non ne sente proprio la mancanza....ah, beati voi! :-)

      Elimina
  6. Ogni cosa a suo tempo, in discoteca si va dai 20 ai 30 poi sei fuori luogo, devi fare cose da quasi trentacinquenne.

    Io a 40 anni fisicamente mi sentivo benissimo (e mi ci sento ancora a 49, ma meno che a 40).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'hai ragione pure te...io fisicamente non sono mai stata un gran che (come resistenza e allenamento), per cui non noto grandi differenze!

      Elimina
  7. Io ancora vado per i 30 ma la differenza coi 20 inizia a farsi pesantemente sentire. La prova definitiva l'ho avuta durante l'ultimo concerto dell'Olimpico. Mi sono imposta col marito per seguirlo in piedi, dal partone perché "solo così lo vivi". A metà spettacolo mi sono resa conto d'esser circondata da 17enni con la fascetta in testa. Volevo morire, giuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io posso confessare solo qui che per una serie di concatenazione di eventi che non sto a raccontare sono stata al concerto dei Moda' nel 2011 o 2012....inutile dire che avevo il doppio dell'eta' degli altri partecipanti e nessuna figlia o nipote a giustificare la mia presenza li'!

      Elimina
  8. Io vado per i 40 ... Appena di ritorno da weekend al mare ... Speravo di relax, passione, uscite ... Mi sono beccata un'insolazione dopo nemmeno mezzora al sole ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tipico, a me succede sempre con questa bella pelle di luna che mi ritrovo...mi sono sempre ustionata anche da pou' giovane, ma pur di abbronzarmi soffrivo in silenzio...adesso piuttosto evito!

      Elimina
  9. Ao', ce ne fosse una che te l'abbia detto. La verita', amica mia, e' tutta in quella frase: E mi stavo anche rompendo le palle.
    Due palle per davvero. Arrivi ad un certo momento in cui tutta quella frenesia dovuta, l'abbigliamento, l'uscire tardi, il fare tardi e lo svegliarti il giorno dopo col posacenere in bocca anche se non fumi, anche basta. Li' capisci che non e' che sei vecchia: sei diventata finalmente grande. Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooo, grande noooooooooooo. Potevo tollerare vecchia guarda, ma 'grande' non lo posso proprio sopportare!!!!

      Elimina
    2. D'altronde, da nick Baby che ci possiamo aspettare??

      Elimina
  10. Non sei vecchia, hai solo sbagliato festa.

    RispondiElimina
  11. Quoto @ero Lucy, sono pienamente d'accordo con lei!
    Però dire a 35 anni che si è vecchi è quasi una bestemmia e sicuramente è un insulto a tutto il ben di Dio che avete...io lo dissi a mia zia quando ne avevo 30 e la mia vita aveva preso rapidamente una piega del tutto adulta e lei mi prese talmente tanto in giro che quella frase non l'ho mai più ripetuta (né pensata) nemmeno dopo i 40 anni... :)
    Mila

    RispondiElimina
  12. non ho tempo di leggere i commenti sopra percio' chiedo venia se dico quel che han gia' detto altri: per come l hai raccontata pure io mi sarei rotta tempo zero, non eravate alla festa giusta o almeno ocn la compagnia giusta, senno' ti saresti divertita. non e' che sei vecchia, semplocemente a vent'anni ci si diverte sempre e comunque anche quando sotto sotto no perche' si divertono tutti cosi' e tu mica puoi far quella che invece no, adesso almeno siamo libere di divertirci come ci pare e piace a noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, a vent'anni sei talmente contento di stare in giro che non ti chiedi neppure se ti stai divertendo o no, adesso sono piu' difficile da accontentare!

      Elimina
  13. trovo delle similitudini con me :) troppa serietà a 20 anni e un po' di pigrizia nella crescita a 30 :) si si . ti capisco! mi sento vecchia anch'io :) ahahaha

    RispondiElimina