lunedì 11 agosto 2014

La maledizione dei romanzi Harmony

Frequento troppi italiani qui, Tecnico compreso, per poter imparare bene l'inglese...pero' un po' mi sta entrando nei neuroni per pura osmosi ambientale. Me ne rendo conto perche' quando ascolto le canzoni non capisco piu' solo "na naaaaa ueiiiii uonna du lav" ma d'improvviso mi diventano chiare intere frasi....e, come diceva anche Vale, il piu' delle volte scopro che quelle che mi sembravano i pezzi piu' profondi e intensi, in realta' dicono solo un sacco di minchiate...tipo che se le avessi sentite da subito tradotte, i Moda' mi sarebbero sembrati Guccini al confronto.
Sempre per tentare di uscire dalla mia capritudine linguistica, da mesi mi sforzo di guardare tutte le serie televisive americane esistenti, facendomi un punto di onore di scegliere solo quelle senza nessun contenuto impegnato...d'altra parte, si sa che il gioco e il divertimento sono il modo migliore per apprendere, no? 
Per le stesse ragioni, ho cominciato a leggere libri in inglese. Come inizio ho scelto a caso un librettino dal cestone del supermercato, il Tecnico mi faceva fretta per andare e ho preso quello con la copertina che mi ispirava di piu'...la sfiga ha voluto che si trattasse del genere di libro tra i piu' idioti ma che su di me esercita da sempre un'attrazione irresistibile: il romanzo rosa tipo Harmony!! Colpa di mia madre, che quando ero piccola aveva fatto l'abbonamento al giornale "Intimita'", ricco di storie d'amore drammatiche ma sempre a lieto fine...e che almeno una volta al mese aveva come inserto un intero romanzo della serie Harmony. Fino alle medie mi era proibita la lettura di quei romanzi, giudicati inadatti ad una ingenua adolescente (ma di Intimita' no, per ragioni che non ho mai compreso) e questo ovviamente aveva scatenato la mia curiosita', potenziandola di mille volte...per cui aspettavo che tutti si ritirassero per il riposino pomeridiano (tipico della vita in campagna) per nascondermi a leggere i libri del peccato! Credo di aver imparato allora a leggere cosi' velocemente, perche' le pennichelle materne non duravano mai piu' di un'oretta!
Ora, a distanza di anni, posso dire con certezza quanto quelle letture abbiano avuto un effetto devastante sulla mia psiche e soprattutto sulla mia maturazione sentimentale, visto che per anni ho atteso invano il principe azzurro bellissimo, ricco, in carriera, che prima faceva finta di non vedermi nemmeno e poi si innamorava perdutamente di me. In genere quelli che trovavo non mi vedevano davvero e basta. O non pagavano mai il conto della cena.
Ma sto divagando.
Dicevo, quello che mi sono comprata, non solo era tipo Harmony, ma era il libro di mezzo di una serie di 11 volumi, che l'indicibile forza di attrazione di cui sopra mi ha costretto a comprare e leggere uno dopo l'altro. Seguiti da un'altra serie da 12. E adesso ne ho cominciata una terza, sempre della stessa autrice. Che non rivelero' mai neppure sotto tortura, per vergogna.
Dopo questi mesi di letture avide, il mio inglese e' rimasto una pena, mi ho imparato un sacco di espressioni e modi di dire che mi sono del tutto inutili nella vita reale. Tipo come si dice "innamorarsi perdutamente", "sorriso malizioso", "arrampicarsi sugli specchi"o "brivido lungo la spina dorsale".
A parte questo, guardando le serie tv o leggendo i libri ho scoperto anche delle cose interessanti, come il fatto che alcuni modi di dire italiani esistono uguali in inglese, ad esempio "Don't look a gift horse in the mounth" (a caval donato non si guarda in bocca). Oppure che come noi diciamo "di punto in bianco", loro dicono "out of the blue". Inoltre mi sono resa conto che ci sono sfumature che posso capire bene solo perche' ho vissuto qui in America per un certo periodo e mi chiedo quanti di questi dettagli mi sia persa in passato nelle varie traduzioni o con i doppiaggi. 
Silvia, fare la traduttrice deve essere davvero un lavoraccio complicato, ti stimo sempre di piu'!! 
Per fare qualche esempio, in "How I met you mother" si cita un panino, il Baconator di Wendy's, che e' noto praticamente solo negli Usa...e in Italia e' stato facile tradurlo con Big Mac, molto piu' famoso...ma quando la madre dice "Plus, this one's still insisting on getting married in a French castle. I'd get married tomorrow in a White Castle, but this guy needs more wow factor", come rendere il gioco di parole tra il castello francese e il White Castle, che e' un fast food (il cui quartiere generale tra l'altro sta proprio qui a Columbus)?
Infine, in uno degli ultimi libri che ho letto, la protagonista ha paura di perdere l'uomo dei suoi sogni, che sta partecipando ad un'asta di beneficienza (facendo la parte del premio, per cui le donne fanno offerte per portarselo a casa) e quindi prende il libretto di assegni del suo saving account e si precipita a fare la sua "puntata"...Si puo' tradurre con "dare fondo ai risparmi", ma non rende pienamente il concetto di saving account, che e' il conto dove si tengono i soldi per le vere emergenze, quelli da non toccare proprio mai a meno di necessita' estreme! 

32 commenti:

  1. Quante cose si imparano, persino dagli Harmony!!
    Pensa che invece mia zia mi ha iniziato a tali letture in una annoiata estate afosa in cui non avevo niente da leggere al mare: ed eccomi lì, quattordicenne in piena adolescenza, piombata in quel mondo di uomini patinati per i quali le donne facevano a gara! Che m'hai fatto tornare in mente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah, ho aperto un cassetto della tua mente!!!

      Elimina
  2. Ahahahahha ! Gli Harmony :) li ha sempre letti mia mamma.. Non è il mio genere perché preferisco i gialli, tuttavia intimità l'ho letto tantissimo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono sempre stata una romanticona, quindi me li divoravo proprio...e quando torno dai miei per le vacanze, Intimita' e' ancora un must!

      Elimina
  3. Confesso che ne ho letto centinaia. Tipo ubriacona. Avevo 14-15 annni. Poi di punto in bianco non ne ho letto più neanche uno: erano tutti uguali e mi annoiavano. Però in inglese sono un ottimo esercizio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem...in italiano non ne ho piu' letti neppure io, ma in inglese ho ritrovato il vecchio incantesimo che mi soggiogava!

      Elimina
  4. Credo in Italia ci fossero due tipi di madri: quelle degli harmony e quelle dei libri gialli. A me sono toccati i libri gialli, per cui invece di sognare il principe azzurro, sognavo come torturare o uccidere i ragazzini che non mi si filavano e far ricadere la colpa sul maggiordomo.
    Brava, vei progressi e riflessione linguistica. È bellissimo il momento in cui uno si rende conto di come la lingua si fonde con la cultura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari parlare di cultura per gli Harmony e' un po' eccessivo, ma il concetto era quello...mia mamma era da Harmony e mia sorella da gialli, quindi io ho avuto entrambe le ossessioni!

      Elimina
  5. Io qui non parlo italiano con nessuno e mi sto rendendo conto appena ritorno in Italia, di parlare una lingua tutta mia, con espressioni fatte di traduzioni letterali o modi di dire locali. Sguardi allibiti e perplessità. Poi mi stupisco anche di sentire parlare italiano, del tipo: ma come mai tutti qui parlano italiano? Dopo qualche giorno mi ripiglio, eh. Mi sa che devo leggere qualche Harmony, in italiano ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quando sono in Italia devo concentrarmi per non dare voce a tuti i miei pensieri, sono cosi' abituata che a parte al lavoro non mi capisce nessuno che dico i peggio commenti al Tecnico!
      Io parlo spesso italiano qui, pero' ormai ci sono alcune espressioni che so solo in inglese e a volte traduco in un italiano senza senso, che lascia i miei genitori un po' perplessi!

      Elimina
  6. Anche tu addicted a serie americane fuffa! Un consiglio: NON guardare l'ultima puntata di How I met your mother! Sono ancora incacchiata dopo mesi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo tardi....e sono ancora incazzata pure io!!!

      Elimina
  7. heheheh ottimo come inizio, mi sembrano tutte cose molto interessanti da imparare (seriamente: e' importante andare oltre l'inglese accademico: io prima di tutto ho imparato quello, e la gente rideva quando parlavo come un libro stampato in circostanze informali...)! Dai dicci chi e' l'autrice, Rosamund Pilcher, perhaps? :D
    (firmato Sfolli - a scrocco dalla biblioteca del paesino di vacanza sui monti, dove non mi lascia loggarmi su blogger..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosamund Pilcher al confronto e' Hemingway...aahhahaha...si chiama Debbie Macomber!
      Io ho paura ad usare le espressioni che imparo da quei libri, mi paiono troppo strane per essere comunemente usate dalle persone normali!

      Elimina
  8. oh mamma che ridere! anche io Harmony "a scoppio" verso i 15 anni quando andavo al mare (come Sabrina!) e ora... in quel di germania, cerco libri in inglese perché col tedesco 'gna posso fa! questo blog mi fa morire! expat da 6 anni, due in America e 4 in Germania e vi scopro solo ora! ma che ho fatto tutto questo tempo???? :)
    Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come hai fatto a non trovarci prima? Noi expat blogger ormai siamo praticamente ovunque! :-)
      Io escludo sempre a priori la Germania dal mio futuro proprio per la lingua...ho imparato inglese, francese e spagnolo (basic) ma il tedesco mi sembra cosi' ostico!!

      Elimina
    2. e anche qui rido tanto!! anche io ho sempre escluso la germania per la lingua... ma il destino mi tira sempre dei brutti scherzi: se c'e' qualcosa che non mi piace o che preferirei evitare, e' solo questione di tempo e poi mi frega! e il mondo blog-expat l'ho scoperto grazie ad una mia amica del liceo: Abaya and heels ;)
      biologa come te, sposata con un italiano, un cucciolotto di un anno e 3 mesi, anche io ogni mattina mi chiedo: ma che diamine ci faccio qui???
      Mara

      Elimina
    3. Non ci voglio pensare, se finisco in Germania vuol dire che il karma e' proprio stronzo...gli ho dato quattro possibilita' di lingua diverse, proprio con il tedesco mi deve far finire? speriamo di no!....eh, noi biologi ormai siamo condannati all'esilio...

      Elimina
  9. Ahahahah!!! Mi hai fatto troppo ridere!!!
    Io avevo mia nonna patita di Harmony ma non ho mai avuto il coraggio di prenderne in mano uno per leggerlo.
    Cosa non facciamo per imparare l'inglese!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio cosi' guarda, almeno non ti sei rovinata l'adolescenza cercando il principe azzurro inesistente!

      Elimina
  10. Ahahahah, mi sono scompisciata con questo post! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Taci che devo ancora perdonarti per aver scritto POMPA nel commento all'altro post!! :-)

      Elimina
  11. hahahahah posso capirti, io da piccola leggevo Love Story, lo rubavo a mia zia. Un settimanale di sedicenti storie vere melense e terrificanti. Poi dice che uno cresce deviato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, non e' colpa nostra, ma di questi romanzetti che ci hanno distrutto il neurone pensatore!

      Elimina
  12. Secondo me serve tutto alla fine le persone con cui parli tutti i giorni parlano in modo più semplice di un'autore impegnato e da quelli devi farti capire :D
    Ma di HIMYM é confermato che faranno la nuova versione? Ma secondo me é una di quelle cose che non puoi rifare, perché la differenza la facevano i personaggi e gli attori che li interpretavano non il plot in sé

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la fanno non la guardo, devo ancora riprendermi dai cambiamenti di faccia dei personaggi di Beautiful!!

      Elimina
  13. A casa mia c'è la triade Confidenze, Intimità e grand hotel....confesso che pure a milano per lungo tempo ho letto confidenze!!! Comunque anch'io mi sono ripromessa che questo anno in Kuwait mi do alle serie fuffa!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ho letto spesso anche confidenze...che piu' o meno siamo li' com livello culturale rispetto a Intimita'!
      W le serie fuffa!

      Elimina
  14. Intimità la leggevo da mia nonna!! Quanti ricordi!!,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno proprio caratterizzato la nostra adolescenza!

      Elimina
  15. Sì, è davvero un lavoro difficile, però tu mi fai schiantare dal ridere :-D

    RispondiElimina