domenica 9 novembre 2014

Chi piu' spende meno spende

Gia' quando ero in Italia avevo una mania per il negozio "tutto a 1 euro", mania che so benissimo da chi ho ereditato, visto che mia mamma credo abbia una relazione platonica con l'omino che gestisce la bancarella del mercato del paesello in cui tutto costa meno di 5 euro.
Ci prendevo un po' di tutto, dagli elastici per i capelli al materiale per i miei progetti creativi ai trucchi, per poi non usarli al pensiero che per costare cosi' poco dovessero essere quanto meno cancerogeni o radioattivi!!

Appena arrivata qui ho scoperto che esisteva una versione americana del mio negozio preferito, ancora piu' vantaggiosa perche' tutto costava 1 dollaro!
Ci ero andata tutta speranzosa, ma mi aveva fatto una bruttissima impressione perche' era in una zona un po' al confine con il quartiere pericoloso di Columbus e quindi era un negozio tenuto male e frequentato da persone molto poco raccomandabili. Non ci ero piu' tornata, a malincuore.

Quando ho cambiato casa, ho visto che qui vicino c'era un altro negozio della stessa catena economica, che pero' era in una zona molto piu' elegante e da fuori mi sembrava molto meglio. 
Cosi' mi sono fatta coraggio e sono entrata.
Il negozio era molto piu' grande, perfettamente in ordine e frequentato da gente del tutto comune!
Cosi' ogni tanto ci vado giusto per fare un giro e poi torno sempre carica di cose non previste...Il Tecnico si rifiuta di accompagnarmi, perche' dice che la qualita' e' davvero scadente, ma io proprio non so resistere al basso costo. Non ci riesco, credetemi!
Eppure ad oggi ho rimediato:
- uno stencil da muro che ha resistito 2 ore
- due presine sottili come carta velina (praticamente e' come prendere una pentola bollente con una maglietta di cotone)
- delle cuffie con una pessima acustica di cui una e' morta dopo 5 giorni
- una protezione per lo schermo del cellulare che lo fa cosi' scuro da farmi perdere la vista ogni volta che devo scrivere un messaggio
- diverse candele che durano il tempo di una puntata di Blacklist su Netflix
- un tagliapizza che ha perso la rotella dopo un mese
- due gomme magiche che non tolgono nessuna macchia
- un sacchetto di pot-pourri che non profuma e contiene solo dei pezzi di carruba e mezzi gusci di nocciole
Alla fine dovrei tenerlo solo come fonte di materiale per i miei lavoretti, tipo nastri, vasetti colorati, perline e ghirlande...ma non so se ce la faccio! Poi lo so che entro la' dentro per prendere un fiocco ed esco con dei bicchieri, un tappeto e delle calze!
 
 

28 commenti:

  1. A me è capitata solo una volta di entrare in un negozio di questo tipo ma ne sono uscita inorridita! Qualità troppo bassa non ce la posso fare!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, tu e il Tecnico avete ragione...ma come si fa a resistere??? Costa tutto cosi' poco!!!

      Elimina
  2. Succedeva anche a me, a Murcia li gestiscono i cinesi, ce n'è uno talmente grande che ci puoi stare dentro almeno 4-5 ore. La qualità non è così terribile, anche se c'è troppa plastica. Ci si trovano oggetti assurdi. Ora che sono minimalista ci vado solo a 'passeggiare' e a comprare lo scotch da pacchi! Però magari la prossima volta faccio qualche foto, perché certe cose non so neppure che sono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente ci sono delle cose assurde! In lab ci era preso il trip della margheritine che si muovevano con il pannello solare e abbiamo riempito tutte le finestre di 'ste cose che dondolavano!

      Elimina
    2. Li trovo adorabili quei negozi, ti capisco. Mi ci perdo per ore e ne esco con oggetti anche assurdi. Palline di natale decorate con dei gattini, acquistate ad Agosto. Fanno un brutto effetto. :)

      Elimina
    3. Adesso che ci sono le cose di Natale poi e' una lotta non comprare tutto!!!

      Elimina
  3. Ahahahahahahahah Io visito, ma di solito non compro nulla, forse pwerchè sono assuefatta dato che ho un negozio anch'io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io purtroppo compro accidenti, dovrei guardare solo!!

      Elimina
  4. hahahahah anche io sono drogata di quei negozi. E prendo delle sole pazzesche. Però non riesco proprio a staccarmene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io prendo delle cose che in possesso delle mie facolta' mentale non comprerei mai, ma quando entro in quei negozi perdo contatto con la realta'...saranno le sostanza tossiche esalate da quei prodotti scadenti!!

      Elimina
  5. In Giappone ho preso un sacco di souvenir in quei negozi! Per me sono irresistibili ^_^

    RispondiElimina
  6. Pure io pure io! In UK c'e' Poundland...ooh come mi manca :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuuuh, poundland e' quasi costoso al confronto...hahahahah

      Elimina
  7. Ma é dollar tree? perché lí si possono fare affaroni o trovare delle grandi ciofeche, ovviamente io ci vado sempre come te :)

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Anche la mia parte razionale...peccato che non la usi quasi mai e si annulli totalmente quando entro da Dollar tree! :-)

      Elimina
  9. Non fanno per me. Mi sa che la penso come il Tecnico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta con tutta questa solisarieta' al rigidissimo tecnico! :-D

      Elimina
  10. ahahah :-) io non sono una maniaca di queste cpse, però ogni tanto qualche acquisto lo faccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente, come si fa a resistere?? Io ad esempio adesso comprerei tutte le loro decorazioni di Natale!

      Elimina
  11. Risposte
    1. Sapevo di poter contare su di te :-)

      Elimina
  12. In quel tipo di negozi alla fine non compro nulla. No, una volta ho preso un salvadanaio

    RispondiElimina
  13. Ah ah ah! Grande! :)
    Allora dovresti anche provare i negozietti a consignment, dove oltre alle cose a basso costo (e usate) puoi vendere anche le tue! Cosi ci risparmi e...guadagni! :)

    RispondiElimina