martedì 20 gennaio 2015

We'll never be royals

La settimana scorsa a Columbus c'e' stata la Restaurant Week, un evento che si ripete due volte all'anno, generalmente a gennaio e a luglio. 
Durante i 6 giorni della Restaurant Week e' possibile cenare in molti ristoranti della citta' ad un prezzo fisso compreso tra 20$ e 35$ a persona (tasse, mancia e bevande escluse), scegliendo all'interno di un menu ridotto che pero' offre sempre almeno 4-5 scelte per ogni portata. 
In genere sono compresi nell'offerta un antipasto, una portata principale (entree) e un dolce. 
Il Tecnico voleva approfittarne per mangiare un bel filetto di bisonte da Ted's Montana, ma alla fine sono riuscita a convincerlo a provare il Refectory, un ristorante francese (con un vero chef francese!) di cui ci avevano parlato benissimo una coppia di amici ma che avevamo sempre evitato perche' decisamente fuori dalla nostra portata.
Il ristorante si trova all'interno di una ex chiesa, che e' stata ampliata e rimodernata cosi' bene da rendere indistinguibili la parte nuova e quella piu' antica. Ho letto qualche dettaglio sulla storia di questa Chiesa, che caduta in disuso fu venduta ad un gruppo di ristoratori con l'unica clausola di non poter mai piu' essere utilizzata come luogo di culto.
All'ingresso siamo stati accolti da una ragazza che ha subito preso i  nostri cappotti e ci ha accompagnato al nostro tavolo, in una sala immensa con travi di legno e vetrate dipinte, oltre a enormi mazzi di fiori ovunque. 
 
qui
Un numero impressionante di camerieri, rigorosamente in divisa bianca e nera, si muoveva rapidamente da un tavolo all'altro per assicurarsi che tutto fosse assolutamente perfetto e c'era piacevole musica classica come sottofondo.
Ci eravamo seduti da pochi istanti che gia' sul tavolo era comparso del pane caldo e l'immancabile burro salato, di cui abbiamo subito approfittato (non so resistere al pane e burro, e' un richiamo troppo forte alle mie memorie della merenda della nonna...come le Madeleines di Proust ma con piu' colesterolo!). Io ho subito fatto la mia prima gaffe da campagnola, leccando il coltellino del burro manco fossi nella cucina di casa mia...citando "Lessico Famigliare", un libro che avro' tipo letto 10 volte, non sono "gente da portare nei loghi" .
Abbiamo poi scelto il vino e il cameriere che ci ha aperto la bottiglia l'ha poi depositata nel ghiaccio ad un angolo del tavolo cosi' lontano che neanche volendo avremmo potuto servirci da soli! 
Cosi' e' continuato il via vai di ben 4 camerieri diversi...quello con la brocca che riempiva i bicchieri d'acqua, quello che ci versava il vino non appena il bicchiere era quasi vuoto, quello che portava i piatti accompagnadoli con pompose descrizioni e quello che li portava via, preoccupandosi anche di togliere le briciole dalla tovaglia con uno strumento apposito.
I piatti erano bellissimi e molto molto buoni...le porzioni erano abbastanza piccole, cosa che distingue decisamente il Refectory dai soliti ristoranti americani, ma alla fine delle tre portate eravamo perfettamente sazi e molto appagati! 
 
Salmon and Lobster Ravioli
 
Posso dire con certezza che e' stato sicuramente la cena di pesce migliore mai mangiata a Columbus e anche il vino non e' stato da meno, perche' hanno un ottimo Vermentino di Gallura che mi ha fatto sentire un po' in Italia. In realta' avevano moltissimi altri vini italiani, ma avrei dovuto vendere gli orecchini di nonna per poterlo avere... :-)

Insomma, bilancio sicuramente positivo in termini di cibo e servizio...ma non so se torneremo, io e il Tecnico siamo troppo proletari nell'animo e tutto questo andirivieni di camerieri ci ha messo un bel po' in imbarazzo, senza contare la terribile vergogna ogni volta che venivano a raccoglierci le briciole!! 
Il ristorante offre anche serate Jazz e assaggi di vini, quindi magari proveremo con qualche evento speciale prima di decidere che il posto non fa per noi...pero' se ripenso alla morbidezza di quel salmone mi viene ancora l'acquolina in bocca!
 
 
And we'll never be royals (royals).
It don't run in our blood
That kind of luxe just ain't for us.
 

15 commenti:

  1. Mi hai fatto venire in mente una cena fatta a Lisbona in una cappella sconsacrata!
    Dev'essere stata una bella serata comunque, diversa dal solito e ricca di piacevolezze per il palato! Gnammy il burro sul pane caldooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente una serata molto gustosa! Noi siamo stati anche in una cappella sconsacrata convertita in birreria a Pittsburgh, davvero bella e suggestiva!

      Elimina
  2. Hahaha! Il posto è bellissimo, ma anche noi non saremo mai reali. Ti dico solo che in tempi lontani di vacche grasse decidemmo di farci una vacanzina in un hotel 5 stelle con cena annessa al ristorante... bhè... Marito, all'epoca fidanzato, dopo doveva farsi la seconda cena in un pub perchè non si saziava! Mai più locali chic da allora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per delle buone forchette come noi i ristoranti chic non sono adatti...ci e' andata bene sta volta che c'era il menu a prezzo ridotto, se lo avessimo pagato interamente ci saremmo potuti permettere solo una portata e saremmo usciti con la fame!

      Elimina
  3. ecco, io sono così chic che probabilmente mi sarei SFATTA di burro salato e pane caldo e tutto il resto me lo sarei fatto incartare perché troppo piena di pane e burro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non l'ho fatto solo perche' il marito mi ha fermato...ma se ripenso a quel pane caldo con il burro....gnam!!!

      Elimina
  4. "Avrei dovuto vendere gli orecchini di nonna" mi ha fatto molto ridere.. un Vermentino di Gallura ci sta sempre, dai!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi avessero offerto un vero vino bianco marchigiano, tipo un Pecorino, avrei ceduto gli orecchini di nonna senza fare una piega!

      Elimina
  5. Wow, che invidia!!
    Qui si chiama Miami Spice e dura piu' di un mese, ma il concetto e' sempre quello. Bello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandee!!!! Sempre esagerati i Miamensi, addirittura un mese!

      Elimina
  6. anche qui a san diego abbiamo la restaurant week, due volte l'anno... ma non ci sono mai andata :-)

    pero' mi hai fatto ripensare a quando andammo in vacanza a san francisco e insieme a una coppia di amici andammo a cena (si ci vuole il passato remoto, perche' e' proprio una cosa remota!) in uno di questi ristoranti chiccosi dove appunto c'erano 4 camerieri di cui uno addetto alle briciole :-D

    evento unico e mai piu' ripetuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata in altri ristoranti abbastanza chic a Columbus ma il cameriere raccogli-briciole non mi era mai capitato...che imbarazzo!!

      Elimina
  7. Ehi, grazie, che bell'idea! In questi giorni c'è anche a SF, non lo sapevo (certo, qui costa di più perché questa è una città per ricchi, però insomma, magari si può fare...)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' cmq una buona occasione per provare qualche ottimo ristorante senza svenarsi...quello citato per esempio e' molto poco praticabile per noi nei giorni normali ma fattibile nella restaurant week.

      Elimina