lunedì 30 marzo 2015

Ho i neuroni pigri

Come ho gia' detto in passato, penso di essere un paziente abbastanza bravo, perche' in genere mi fido molto dei medici, difficilmente cerco un secondo parere e mi affido alle cure che mi vengono prescritte. 
Devo ammettere pero' che piuttosto spesso mi faccio prendere dalla sindrome "tutti dottori" e cerco sintomi e relative patologie su Internet, finendo con il farmi autodiagnosi a cui mi affeziono cosi' tanto da vivere di conseguenza. Tempo fa il Tecnico mi ha fatto un lungo elenco di tutte le patologie di cui avrei sofferto a mio parere da quando ci conosciamo: otosclerosi, tunnel carpale, malocclusione della mandibola, cervicalgia, endometriosi, sindrome del colon irritabile, gastrite, esofagite da reflusso, extrasistoli...solo per dirne alcune. Quando pensavo di avere l'otosclerosi sentivo fischi a tutto spiano, poi spariti quando me ne sono dimenticata...come anche la supposta malocclusione, che altro non era che il dolore di notti passate a digrignare i denti in un periodo molto stressante. E cosi' via.
Faccio la stessa cosa anche con la psicologa, anzi, forse con fin troppo zelo, visto che tutto quello che mi dice mi sembra sempre cosi' sensato e perfettamente calzante per me! 
Il problema e' che ogni nuova teoria scalza la precedente nella mia top ten, per cui sono anni che ancora ci siamo dietro a lavorare su una diagnosi diversa alla volta e non se ne viene a capo. 
Comunque.
Oggi e' arrivata una new entry nel mio palmares di patologie e gia' la adoro!! Signori e signori, voi che da anni mi dite che sono una pigrona....sbagliavate clamorosamente!! 
Non sono pigra, ho bassi livelli di dopamina!!
Da quello che ho capito, tra psicologhese e comprensione dell'inglese, si sa da tempo che la dopamina e' legata al piacere in generale, compreso quello che deriva dal fare le cose che ci piacciono, e viene pertanto rilasciata in risposta a qualcosa che ci soddisfa, spingendoci a continuare a farle, con un meccanismo di "ricompensa". 
Oltre a questa funzione nota, sembra che la dopamina sia coinvolta anche nella motivazione, cioe' in quella forza che ci spinge a perseverare per ottenere un risultato (lavorare duramente, impegnarsi, restare focalizzati sull'obbiettivo). 
In pratica la dopamina verrebbe rilasciata prima ancora del raggiungimento del traguardo, per spronarci a fare di tutto per perseguirlo.
Secondo la dottoressa i miei livelli di dopamina sarebbero piu' bassi del normale, per cui i miei neuroni non ricevono sufficiente ricompensa ne' stimolo motivazionale, per cui si limitano a vegetare senza infamia e senza lode, lagnandosi ma senza la spinta ad agire concretamente. 
Sarebbe per questo ad esempio che la sera finisco con il cazzeggiare su internet alla ricerca del nulla invece di cucinare o dipingere o leggere o fare l'uncinetto come mi ero riproposta a inizio giornata. Finendo poi con il sentirmi frustrata, in colpa e molto poco soddisfatta, oltre ad infilarmi spesso in situazioni negative da cui non so uscire perche' mi sembra richieda troppo sforzo.
La buona notizia e' che c'e' rimedio! 
Pare infatti che sia possibile intraprendere un percorso di riabilitazione dei poveri neuroni scansafatiche, per cui quello che manca loro da un punto di vista fisiologico puo' essere compensato attraverso un meccanismo di "ricompensa volontaria". 
Se si vuole ottenere la ricompensa, sotto forma di una qualche attivita' che dia piacere e non richieda sforzo, ci di deve prima "obbligare" a fare qualcuno dei compiti che si stanno evitando. Ad esempio, prima di poter fare 30 minuti di cazzeggio sul web devo mettere in ordine il lavello o prima di potermi spalmare sul divano devo stirare i vestiti accumulati sulla sedia. 
Ovviamente ho aderito entusiasta al progetto e ci sto provando seriamente, anche se dire "non posso venire con te sul divano a vedere la TV, devo prima fare i compiti che mi hanno assegnato" mi fa sentire un po' demente!

Il Tecnico ha commentato tutto questo nel suo solito modo lapidario: "Avevi bisogno che te lo dicesse lei? Sono anni che sostengo che sei pigra e senza neppure bisogno di essere pagato per fare la diagnosi!".

qui

13 commenti:

  1. ����
    Effettivamente questa volta il tecnico non ha tutti torti! Ci sono arrivata anch'io senza medico. Da una settimana faccio una lista di cose da fare per quella giornata in ordine di priorità e mi obbligo a farle in quel rigoroso ordine e devo dire che sono notevolmente più produttiva. Prima tendevo a fare prima quelle meno importanti che non si sa perché sono anche quelle più piacevoli e per questo mi ci dilungavo con il risultato che poi non c'era più tempo per il resto e le cose più rognose si accumulavano. Vediamo quanto duro !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono e saro' sempre una mente scientifica, se vuoi convincermi di qsa devi per forza parlarmi in termini di reazioni chimiche e recettori, altrimenti non mi fido!!
      Pure io ho paura di mollare, come faccio sempre dopo un po'...motiviamoci a vicenda! :-)

      Elimina
  2. Invece ho scoperto che il mio deboscio cronico è dovuto ad altissimi livelli di cortisolo, completa assenza di vitamina D + varie ed eventuali. Finalmente ho scoperto che sono un catorcio e non la malata immaginaria che credevo! Spero di riuscire a rimettermi in sesto YEEEEE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non e' che uno voglia sapersi malato, ma quando si hanno sintomi poco chiari (stanchezza, apatia, ecc.) sapere di avere qsa di preciso e' meglio del dubbio che sia tutto nella nostra mente, perche' ci permette di seguire una cura.
      In bocca al lupo!!!

      Elimina
  3. Cavoli è la mia malattia! Proverò a fare come dici -)))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutta colpa della maledetta dopamina, quante vittime!!

      Elimina
  4. Ahahahhahh!!

    Credo comunque che anche i miei livelli di dopamina allora siano bassissimi, specialmente verso sera quando vegeto sul letto col telefono in mano e la tv accesa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, la sera la nostra dopamina deve essere proprio ai minimi storici, quasi nulla!

      Elimina
  5. Non si può prendere per bocca, così faccio meno fatica.... :)
    Credi che alla lunga possa funzionare nell'obbligarsi a far qualcosa per poi poter fare qualcos altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, tutto questo allenamento neuronale mi sta affaticando!
      Non lo so, in teoria il neurone premiato e' un neurone piu' volenteroso e dopo un po' dovrebbe venire automatico...ti faro' sapere!

      Elimina
  6. aaah ecco cos'era!! la dopamina malefica! io devo aver downregolato anche i recettori, nel caso qualche molecola andasse vagando per sbaglio! avevo giusto finito di incolpare il cambio di stagione! Cara Baby, anche se non commento per mancanza di tempo, continuo a seguirti. Mara dalla Germania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti fa sentire meglio sapere che non sei semplicemente pigra ma e' colpa della terribile dopamina? A me tantissimo!
      Grazie per continuare a seguirmi! :-)

      Elimina
  7. MA allora c'é una giustificazione scientifica, non sono io....e se non siamo soli vuol proprio dire che é un problema e non siamo noi...

    RispondiElimina