sabato 13 giugno 2015

Ci vorrebbe un'amicA

Non ho mai fatto mistero di quanto mi manchi avere le mie amiche italiane qui, diciamo che ho rotto abbastanza le palle su questo argomento...non posso lamentarmi troppo, alla fine riesco comunque a sentirle tutte le settimane, a sfogarmi e raccogliere le loro confidenze...ma sapete quale aspetto e' tra quelli che mi manca di piu'?
Per farvelo capire vi racconto un adeddoto.
Nel 2007 ho cambiato posto di lavoro e sono passata da un laboratorio universitario, dove tutti erano vestiti un po' come volevano, all'ospedale, dove anche se si indossavano scrub e camice si arrivava al lavoro vestiti sempre piuttosto bene. 
Ai tempi ero reduce dall'unica dieta della mia vita che mi avesse portato sotto ai 60 kg, non succedeva dalla quinta elementare, credo. Abituata da anni a scegliere i vestiti sulla base del fatto che esistessero anche nella taglia 46-48, che nascondessero pancia e fianchi e mi facessero passare il piu' possibile inosservata, non avevo (e forse ancora non ho, boh) nessun gusto in termini di vestiti e non sapevo bene cosa mettere addosso a questo nuovo corpo, anche perche' mi sentivo ancora comunque grassa.
Complice anche il fatto che non avevo tantissimi soldi, avevo comprato dai cinesi al mercato dei terribili pantaloni tipo militare, un paio bianchi e uno neri, e li mettevo molto spesso, molto fiera di come mi stavano, soprattutto perche' i pantaloni bianchi erano off limits per me da tantissimo tempo.
Nel giro di poco tempo avevo fatto amicizia con le colleghe, per lo piu' medici, e avevo cominciato ad uscire con loro. Dopo qualche mese G, che e' poi diventata una della mie piu' care amiche, mi disse che una delle prime cose che aveva pensato di me era stata: 
"Simpatica Baby, peccato che si vesta come un ghostbuster!". 
Non pensiate che mi sia offesa, se la conosceste sapreste che e' il suo modo di parlare e che fa morire dal ridere (G, non lo sto dicendo perche' mi leggi, lo sai che lo penso davvero). :-)

Ecco, questa e' una cosa che  mi manca davvero davvero tanto: avere qualcuno che mi dica che si vede la ricrescita, che ho le sopracciglia alla Peo Pericoli, che ho un occhio piu' truccato dell'altro, che questi pantaloni sono inguardabili e che il taglio di capelli che volevo farmi non si vedeva dai primi cd di Bon Jovi!
Le poche amicizie che ho qui o non sono per nulla interessate a cosa indossano o troppo gentili per dirmi che non ho ancora l'eta' per la deriva leoparda-menopausa...e il povero Tecnico ha troppa paura di scatenare una guerra atomica casalinga per dirmi che sono piena di capelli bianchi o che sarebbe ora di cominciare a farmi i baffi!
 
 
qui
 
 
qui

10 commenti:

  1. Mia cugina si affida a me in quel caso, ha un sacco di amiche, ma sa che io non mento in proposito e se qiualche abito le sta male glielo dico, se ha le sopracciglia disordinate glielo dico, ma non per ferirla, ma perchè mi dispiace se esce "disordinata". L'amicizia vera è anche quello. Non sopporto chi non ti dice le cose ma ti parla alle spalle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che le mie amiche qui non siano i tipi che sparlino alle spalle, semplicemente non hanno la confidenza di dirmi certe cose o non sono il tipo. Tu fai benissimo, e' molto piu' "da amica" dirmi che sto male con qualcosa invece che lasciarmi andare in giro conciata come una pazza solo per non essere scortese!

      Elimina
  2. Come sempre condivido ...io al mio compagno lo dico sempre che a volte se fosse un po' piu' italiano non guasterebbe, cosi magari eviterei di uscire vestita come una teenager scappata di casa con i leggins sotto la minigonna e gli stivaletti con calzettone in vista e il tutto condito dai colori piu' disparati! Ma lui niente, e' normale...va bene essere se stesse ma in effetti il commento di un' amica a volte salva la vi(s)ta !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio marito e' italiano, ma poco attendibile perche' indossa sempre solo colori dal grigio al nero al marrone al blu, per cui per lui sono sempre troppo sgargiante ed e' difficile capire se davvero ho passato il segno o e' solo la sua fobia dei colori! :-D

      Elimina
  3. sei stata fortunata a trovarla un'amica così! andando avanti le persone non hanno voglia di essere così schiette, tu hai la fortuna di aver sperimentato quanto sia bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si', decisamente...e vale anche viceversa, che spasso poterle dire liberamente cosa penso del suo nuovo taglio e poterci ridere su!

      Elimina
  4. cara... expat anch'io, e certo c'è whatsapp, ma secondo me non c'è nulla da fare: non è la stessa cosa. la presenza fisica e la quotidianità non si possono sostituire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che ci sono whatsapp e skype eh, ma la quotidianita' quanto manca!

      Elimina