venerdì 17 luglio 2015

Io non ho paura (bugia!!)

Succede che dopo tre anni mi decido finalmente ad andare dal dentista, visto che da mesi ho qualche fastidio e che sto pagando l'assicurazione da quando sono qui senza usufruirne. 
Mi fanno la lastra panoramica e, come mi sento dire ormai da 30 anni, sono piena di piccole carie da curare, perche' nonostante mi impegni con la pulizia ecc. i miei denti sono cario-recettivi (o caries-prone) e acchiappano tutto il male che possono. Inoltre avrei pure un dente del giudizio da estrarre. 
Onestamente non ho mai avuto paura del dentista, quello che avevo in Italia non solo era una gran bell'uomo, ma si era guadagnato la mia fiducia incondizionata fin da quando ero piccola e non mi aveva mai deluso. E lo avevo tradito solo una volta perche' avevo provato ad andare piu' vicino a casa, ma poi ero tornata da lui con la coda tra le gamnbe.
La prima visita e' andata abbastanza bene, ma dalla seconda (con otturazione della prima carie) e' cominciato il dramma. 
Ho iniziato giorni prima con le paranoie 9una novita' per me, come ben sapete)...visto che ancora non si sa cosa mi provochi questa maledetta allergia che mi porto dietro da ormai 3 anni, ho cominciato a pensare che avrei avuto una reazione allergica all'anestesia e sarei morta con il fazzolettino verde ospedale legato attorno al collo e gli occhialoni di plastica anti-schizzo. 
Questi pensieri non mi hanno abbandonato fino al giorno della visita, per cui potete immaginare in che stato io sia arrivata a stenderrmi su quella poltrona. Alla prima iniezione di anestesia ho cominciato a sentire la gola che si intorpidiva (ma dai, che strano effetto...) e mi sembrava di non riuscire piu' a deglutire, per cui mi e' partita la tachicardia a manetta, tanto che temevo che mi si vedesse il cuore battere furiosamente attraverso la maglietta. Ho cercato di tranquillizzarmi in tutti i modi, respirando profondamente (facile da fare mentre sei stesa con la bocca aperta), pensando ad altro e anche cercando di ricordare tutto il testo di "La mia banda suona il rock" e "Samarcanda". Dopo 20 minuti di battiti accelerati, pure il mio cuore deve aver deciso che era stato un falso allarme, che non c'era nessun leone da cui scappare e che non valeva la pena pompare tutto quel sangue al minuto, per cui i battiti sono tornati quelli di una persona normale. Il successivo down di adrenalina mi ha lasciato spossata, per cui alla fase isterica e' seguita quella in cui mi dovevo sforzare di non addormentarmi, anche solo per non rischiare di chiudere la bocca sul trapano in funzione. Infine, per chiudere in bellezza, mi e' venuto una pipi' incontrollabile e ho dovuto chiedere al dentista se potevo andare un attimo in bagno, alzandomi con il fazzoletto al collo, la bocca storta e piena di cotone e gli occhialoni protettivi. 
Per fortuna la tortura e' finita di li' a poco e sono tornata al lavoro.
La visita successiva sarebbe caduta quando ero gia' abbastanza in modalita' ansiosa perche' la settimana dopo arrivavano i parenti, per cui non potevo pensare di aggiungere altro panico al panico...cosi' mi sono inventata un impegno di lavoro e ho cancellato l'appuntamento. 
La volta dopo invece ho detto che avevo molto da fare in lab e se per piacere poteva farmi un dente veloce, cosi' in mezz'ora ero fuori.
L'ultima volta ero agitata ma non proprio in angoscia, insomma, alla fine ero sopravvissuta alle altre 2 volte quindi non c'era motivo di pensare che fossi allergica ad una qualche anestesia. 
Il dentista mi fa una prima puntura, poi una seconda...ogni due minuti mi chiede se sto bene, se mi sento a posto, se la gola mi sembra ostruita e se faccio fatica a respirare. Alla decima richiesta un po' mi insospettisco e gli chiedo come mai mi stia facendo tutte queste domande, pensando che magari abbia percepito la mia agitazione...invece lui mi risponde, serafico: "Ah sai, ad alcune persone questa anestesia crea problemi respiratori e la sensazione di avere la gola ristretta"
...eeeeeeeehhhhhhhh??????? 
Panico!!! 
Ovviamente mi e' partita la tachicardia, che e' durata finche' non mi sono resa conto da sola che se non era successo niente fino ad allora probabilmente sarebbe andato tutto bene, quindi a ruota spossatezza e pipi'. Stavolta pero' non mi ha fatto andare in bagno quel maledetto e ho rischiato di farla sulla poltrona!!

Ho raccontato al Tecnico le mie vicissitudini e lui, l'uomo che va dal dentista con la stessa tranquillita' con cui va a fare la spesa, mi ha guardato come una povera pazza, l'unica adulta al mondo che ha paura di una cosa simile. A nulla e' servito spiegargli che la mia non era paura del dentista in se' ma dell'allergia, mi e' rimasta comunque la sensazione di essere la solta "sbagliata".
Poi pero', vincendo la vergogna per il mio essere cosi' paurosa, ho raccontato la cosa a diverse persone e la reazione non e' stata quella che credevo (cioe' uno sguardo che diceva chiaramente "ma sei demente???")....quanto piuttosto un coro di "anch'io ho paura del dentista/anch'io mi agito sulla poltrona/anch'io ho paura che l'anestesia mi dia reazione allergica/anch'io evito di andarci anche se mi fanno male i denti,...". Un'amica mi ha anche confessato che l'avevano mandata ad un piano diverso per prendere appuntamento e lei era scappata dall'edificio.
Fermi tutti, mi state dicendo che le mie reazioni sono magari un pochino esagerate (giusto un pochino eh), ma le mie paure sono normali?? Bah, e io che credevo di essere cosi' speciale! Tutta colpa del Tecnico, che non ha mai paura o angoscia per nulla e io al confronto sembro sempre una pazza isterica (sembro...).

Comunque, se non mi facessro male sarei quasi tentata di tenermi queste maledette carie...e l'estrazione no, dovranno passare sul mio cadavere o farmi una anestesia totale se vogliono proprio farmela!!
qui

8 commenti:

  1. Se avessi letto questo post qualche settimana fa probabilmente anch'io avrei avuto una reazione tipo quella del tecnico perche'io fin da bambina sono sempre andata dal dentista con la stessa disinvoltura di chi va piuttosto a mangiarsi un gelato. Nelle ultime settimane pero' ho avuto ed ho tuttora un problema ancora non bene identificato percuisembra che io abbiauna reazione allergica ma ancora non si sa a cosa e quindi ho tutta una serie di reazioni a catena che alla fine di un qualsiasi starnuto o prurito o altro mi fanno temere il peggio e me la faccio sotto! Quindi adesso ti capisco, tu hai toccato con mano la tua fragilita' fisica in passato e quindi e' normale che non riesci ad essere tanto disinvolta, pero' riesci ad essere buffa e questo e' un buon segno! Il dentista figaccione comunque aiuta a distrarsi, confermo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stessa cosa qui, se non avessi paura della reazione allergica andrei dal dentista con la mia solita tranquillita', lo giuro!!

      Elimina
  2. Cmq i denti del giudizio qui, x mia esperienza, li tolgono in anestesia totale, ahaha, quindi vai tranquilla :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui no, mi dicono....quindi ciccia, non mi vedranno mai!!

      Elimina
  3. Cmq i denti del giudizio qui, x mia esperienza, li tolgono in anestesia totale, ahaha, quindi vai tranquilla :-D

    RispondiElimina
  4. Cmq i denti del giudizio qui, x mia esperienza, li tolgono in anestesia totale, ahaha, quindi vai tranquilla :-D

    RispondiElimina
  5. Io ho paurissima. Sono talmente tesa sul lettino che tocco con le spalle e i talloni, appena appena il sedere. Esco che ho male ovunque per la tensione accumulata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io alla fine avevo pure il formicolio alla testa, dopo esserci stata puntellata per un'ora!

      Elimina