martedì 21 luglio 2015

Ipocondria portami via

Ci sono volte in cui mi vergogno persino da sola.
Sabato mattina ho deciso di abbandonare le mie solite ballerine per un paio di sandali con zeppa, con cui ho camminato diverse ore tra farmer's market e spese varie. Non essendo piu' abituata al mezzo tacco, ho pure rischiato una distorsione, con il piede che mi e' scivolato piu' volte da una parte e dall'altra. 
Al pomeriggio il piede ha cominciato a farmi male, tipo crampo che andava dalla pianta del piede al polpaccio, ma non ci ho fatto molto caso perche' avevo dedotto che la colpa fosse stata di certo delle scarpe.
Domenica mi faceva ancora male e anche ieri, ma sempre senza che mi preoccupassi troppo, anche perche' migliorava molto nel corso della giornata, man mano che camminavo.
Ieri sera invece mi e' preso uno dei miei soliti attacchi di ipocondria.
Ho visto che sul polpaccio, proprio dove mi faceva male, erano comparse delle macchiette rosse tonde, 5-6 a formare una specie di cordone, che prontamente googlate mi avevano instillato il dubbio di una qualche complicanza della circolazione. 
Sono sovrappeso, conduco una vita piuttosoto sedentaria e ho una forte componente ereditaria per i problemi di circolazione, per cui da questi presupposti al saltare alle conclusioni, il passo e' stato brevissimo!
Mi sono chiusa in bagno per poter approfondire le mie ricerche paranoiche nascosta dal Tecnico (che mi vorrebbe tanto togliere l'accesso a Google, con santa ragione) e ogni dettaglio che trovavo non faceva che peggiorare la mia ansia, visto che la gamba mi sembrava effettivamente lievemente gonfia e decisamente piu' arrossata e calda dell'altra. Le macchie poi, erano un segno chiarissimo di catastrofe imminente, tutti i siti concordavano su questo!!
Alla fine, dopo ore di preoccupazione, ho deciso di aspettare il mattino seguente per decidere cosa fare e mi sono messa a leggere a gambe incrociate, con il libro appoggiato proprio vicino alle macchie. Non riuscivo pero' a concentrarmi tanto bene su quello che stavo leggendo e continuavo a toccare quegli arrossamenti sospetti, pensando "ma guarda che strani, sembrano quasi dei segni come di bottoni ma i miei pantaloni non ne avevano mica sul polpaccio...oppure anche come delle bruciature lievi..." e li', sulla parola "bruciature", mi si e' accesa una lampadina nel cervello: L'azoto liquido!!!!! 
Ieri mattina avevo preso dei campioni dall'azoto liquido (che era ad una temperatura di circa -160C) e nel farlo il contenitore di metallo in cui si trovavano i campioni mi era scivolato di mano, strisciandomi sulla gamba (avevo dei pantaloni al ginocchio) e creandomi quelle specie di ustioni da freddo!! Ore e ore passate a temere l'embolia polmonare e invece la risposta era dentro di me...e non era neppure sbagliata!!!
Dai, mettiamola cosi', almeno mi e' venuto in mente giusto in tempo per poter dormire serena! :-D
 
 
qui
 

13 commenti:

  1. Sei proprio una scienziata!
    :-P

    RispondiElimina
  2. Ti è andata bene, hai rischiato una potenziale amputazione dell'arto

    RispondiElimina
  3. anche a me dovrebbero togliere Google.

    RispondiElimina
  4. Uahahah :D
    ho riso già dall'incipit.

    RispondiElimina
  5. Consolati: non sei sola!
    Io avrei reagito esattamente come te!

    RispondiElimina
  6. Consolati: non sei sola!
    Io avrei reagito esattamente come te!

    RispondiElimina
  7. Consolati: non sei sola!
    Io avrei reagito esattamente come te!

    RispondiElimina
  8. Anch'io dico sempre a tutti di non farlo ma poi ogni tanto ci casco anch'io. Con risultati catastrofici.

    RispondiElimina
  9. Ciao! come sai ti seguo sempre e mi piace molto come scrivi, per questo ti ho insignita di un premio, che comportera` un po' di lavoro da parte tua. Per questo motivo non so se mi ringrazierai, ignorerai o odierai. http://claudiablabla.blogspot.com/2015/08/liebster-blog-award.html

    RispondiElimina
  10. Ho pubblicato un articolo sull'ipocondria oggi definita ansia di malattia, lasciami una tua opinione commentando grazie
    www.psicologo-taranto.com/ipocondria-disturbo-dansia-di-malattia

    RispondiElimina
  11. Ciao! Ho trovato questo tuo post per caso e leggendolo...mi son sentita capita!
    Sono un chimico ipocondriaco.
    Ho detto tutto :D

    RispondiElimina