venerdì 3 luglio 2015

Ne restera' soltanto una (di sorelle)...o forse no

Nonostante le peggiori previsoni (mia mamma mi ha confessato a vacanza finita che lei e mio padre temevano il peggio, almeno una brutta litigata se non la guerra civile famigliare), e' andato tutto benissimo!

L'inizio pero' non 'e stato dei migliori e non lasciava presagire niente di buono. 

Gli ospiti sono arrivati qui con le aspettative di chi aveva visto l'America solo attraverso la tv e pensava che ogni grande citta' fosse come New York o Los Angeles o Chicago, tutta taxi e grattacieli luminosi...per cui questo enorme paesone, con 1 milione di abitanti sparsi su una superficie tale da farlo sembrare disabitato, li ha lasciati spiazzati. C'e' da dire che sono stati accolti da un nubifragio durato 36 ore, che ha trasformato in acquitrini fangosi i parchi qui attorno dove speravo potesero passeggiare per i primi tempi mentre noi eravamo al lavoro e loro erano appiedati. 
Insomma, inizio con il botto tra le lamentele di mia sorella, la noia dei nipoti video-tele-tecno dipendenti e la mia frustrazione immediata, visto quanto ci tenevo a fargli amare quella che ormai e' un po' (un bel po') casa.
A questo si deve aggiungere il fatto che io e il Tecnico viviamo da soli
(e senza persone sotto ai 10 anni) da cosi' tanto tempo  che avere 4 persone in piu' in casa e' stato decisamente spiazzante, cosi' abituati a non fare la fila per il bagno, ad andare a dormire quando capita, a mangiare se e quando ci va, spesso senza neppure mettere la tovaglia...e se finisce il latte la mattina dopo si va semplicemente a fare colazione fuori!
Loro poi non sono esattamente persone facili, mjo cognato non si alza da tavola neppure se manca la forchetta, mia sorella se si sente in difetto attacca invece di scusarsi, mia nipote e' in fase adolescente ombrosa e il piccolo e' un tiranno viziato.
Inoltre, anche se non lo confessera' mai, il Tecnico era parecchio infastidito dal dovermi dividere con altre persone e dal non poter dormire insieme, per cui non appena tutti andavano a dormire e la casa cadeva nel silenzio, me la faceva pagare attaccandosi a qualcunque scusa per dirmi su...
Pero', nonostante le difficili premesse, le cose sono migliorate decisamente giorno dopo giorno, soprattutto dopo che gli ospiti hanno noleggiato la macchina e si sono lasciati un po' andare, curiosi di vedere e scoprire, sempre piu' sicuri e fieri dei progressi.
Cosi' e' iniziata una routine fatta di risvegli al grido di "ziaaaaaaaaaaaaaaaa" e inseguimenti per la casa per cercare di abbracciare il mio anguilloso nipote, lunghe colazioni tutti insieme a tavola, saluti prima di andare al lavoro, scambio di messaggi e chiamate e foto che testimoniavano posti visti e successi (siamo riusciti a ordinare il pranzo! Abbiamo capito tutte le indicazioni!...), chiamate skype comunitarie in cui la gioia dei miei genitori era tale da poterla quasi toccare attraverso il video, cene nei nostri ristoranti preferiti o grigliate in casa con qualche birra e tante chiacchere, visite ai musei e a zone della citta' che non avevamo ancora esplorato.

Mi sono riempita il cuore di ricordi che possano scaldarmi quando mi sentiro' sola, come le confessioni zia-nipote, il Tecnico che spiega al piccoletto le regole del baseball o lo tramortisce di solletico, raccontare per la prima volta quanto siano stati difficili gli inizi qui, tornare a scambiarsi i vestiti con mia sorella come quando dividevamo la stanza, mio nipote che impara tutta una serie di parole in inglese e le ripete ai nonni tutto fiero, un piccolo tour del laboratorio in cui hanno visto le cellule che coltivo e i giochi che so fare con il ghiaccio secco.
E tante altre emozioni che non si possono neppure spiegare.

I 9 giorni sono volati ed e' arrivato il momento di salutarli, in partenza per una mini vacanza a New York prima del rientro definitivo...ma ancora per quei giorni il filo non si e' spezzato e abbiamo continuato a sentirci e vedeci con Skype, quello che avrei sempre voluto accadesse nella mia vita quotidiana.

Lunedi' sono tornati alla base, carichi di qualche chilo in piu' tra regali e tutto il cibo che hanno mangiato (mi hanno saccheggiato la dispensa di mesiiiiiiiiiiii), pieni di entusiasmo per la citta' dove vivo, soddisfatti del viaggio, grati della bellissima accoglienza ricevuta e di tutto quello che abbiamo fatto per farli stare bene e con migliaia di foto e video da mostrare ai miei genitori per aiutarli a sentirsi un po' parte della mia vita qui.

Quando vado in vacanza in Italia so che qui mi aspetta la mia casa, il mio lavoro, spesso il Tecnico che non e' venuto con me, per cui alla fine, anche se e' comunque difficile, ho voglia di tornare. Lasciarli andare invece e' stato piu' difficile, perche' poter avere tutto quello che ho costruito qui con il bonus dei legami affettivi famigliari e' davvero impagabile.
E manca un mucchio quando finisce.
Lo so, devo solo pazientare qualche giorno, poi tutto piano piano tornera' alla solita normalita'...mi piacerebbe tanto che dopo questa esperienza i rapporti con mia sorella potessero migliorare, anche solo sentirci piu' spesso...ma confesso che ci credo poco ecco. 
Chissa'.

qui

17 commenti:

  1. Sono contenta che sia andata decisamente bene!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, non sai che sollievo...soprattutto visto com'era cominciata, come avete letto voi amiche in diretta!

      Elimina
  2. Vedrai che adesso, dopo essere stati tutti bene, tutti insieme, dopo aver conosciuto la tua casa e il tuo mondo verranno più spesso a trovarvi e saranno più presenti nelle vostre vite! Sono felice che sia andata così bene! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io onestamente ci spero sempre, anche se ci credo poco...non eravamo mai stati tutti insieme cosi' a lungo nella stessa casa, chissa' che non si sia sbloccato qsa!

      Elimina
  3. Lo sapevo che sarebbe stata una bella vacanza <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credevano tutti tranne me (e i miei genitori...)! :-)

      Elimina
  4. Sono contenta per te e spero che i vostri legami si rafforzino un po'.

    RispondiElimina
  5. Oh, che bello! Sono proprio felice per te! Sono riusciti a venire e sono riusciti a godersi il tempo insieme a te: splendido!

    Magari è una cavolata, ma ho sempre pensato che sia più triste il saluto per chi resta... per lo meno perché chi ha il viaggio da fare è più occupato con la mente nei primi giorni, che sono i più dolorosi... gli ospiti sono come un'onda che arriva, ti travolge, e quando se ne va lascia uno strano silenzio d'assenza in casa, non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo al 100%. Loro poi stavano andando a NY, quindi nuove sfide e scoperte...noi invece ci siamo ritrovati la casa praticamente vuota e il silenzio a cui eravamo abituati prima del loro arrivo ci e' sembrato tristissimo!

      Elimina
  6. Che bello, mi hai quasi ( togli pure quasi..) fatto commuovere! Ti hanno fatto un regalo bellissimo e davvero sembra assurdo ma a volte basterebbe cosi poco per essere piu' felici! Chissa' che adesso che hanno rotto il ghiaccio non tornino regolarmente da voi senza far passare anni e anni. Te lo auguro e poi sbrogliare dinamiche familiari in dieci giorni ha del miracoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubito che si siano sbrogliate, ma di certo sono state messe in stand-by e non hanno interferito troppo con la vacanza, un risultato mica da poco!
      Hai ragione, basta una cosa cosi' per rendere l'expat piu' felice, chissa' che non abbiano inaugurato un periodo migliore, con piu' visite da parte di chi amo!

      Elimina
  7. Che bello! Spero tanto che il vostro rapporto migliori... a volte la distanza e immergersi nel mondo di chi vive solo così lontano aiuta!

    P.S. ma il concerto con la nipote?
    Carolina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il concerto e' ancora un grosso punto di domanda, che pare verra' sbrogliato entro la prossima settimana...non c'e' pace tra gli ulivi!!

      Elimina
  8. Evviva! Sono contenta che sia andato tutto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io...soprattutto sollevata!!!

      Elimina
  9. Avevo letto il post in cui ti sfogavi dell'assenza di pianificazione e difficoltà a venirvi a trovare.
    E sono contenta di vedere che le cose sono andate meglio :)

    RispondiElimina