mercoledì 16 dicembre 2015

Ciao patato

Ieri e' morto il mio cane, in Italia.
Aveva quasi 14 anni, che per un labrador sono tanti...ed era malato da tempo, tra dolori vari e una specie di stroke da cui il veterinario lo aveva miracolosamente salvato un annetto fa. Lo vedevo anche da qui che era sempre piu'acciaccato, quando lo salutavo su skype si limitava ad abbaiare e muovere la coda senza piu' saltellare tipo molla come era sua abitudine. 
Oh pensavo pure di essere pronta al fatto che non gli restasse molto da vivere, ma forse in fondo in fondo speravo facesse come mia nonna, che doveva morire tipo 20 anni fa e invece tra una piccola ischemia, due bypass e varie medicine prese a sua discrezione, e' ancora in piedi e piu' o meno arzilla, e ci seppellira' tutti.  
Poi non siamo mai stati di quelli che considerano gli animali come persone, niente vestitini e lettini di peluche, W stava fuori in giardino quando faceva caldo e in inverno aveva in garage una specie di cassetta di legno con delle vecchie coperte. Mi sembravano sempre un po' esagerati quelli che si disperavano per la morte di un cane o gatto, ormai ero grande, mica come quando era morto il micio Gattuso e non me ne facevo una ragione. 
Invece quando mia mamma mi ha detto che era morto mi sono messa a piangere come una bambina, sulla scrivania dell'ufficio. E i miei tre vecchietti rimasti a casa non stavano messi meglio, lacrimosi, a macerarsi nel senso di colpa di non aver chiamato prima il veterninario e ricordare vecchi episodi. 
14 anni sono tanti. 
14 anni di leccate di piedi, baci sbavosi, abbaiate contro i ricci che lo facevano dannare per cui a turno la notte bisognava alzarsi e portare il malcapitato riccio al di la della siepe. 
14 anni di pasti, caramelle e mele divisi con mio papa', di cellulari che lui gli dava da portare in casa, di pomeriggi a fare compagnia a mia nonna sotto al portico, di peluche e ciabatte distrutti o solo portati in giro per la casa. 
14 anni di nuotate nei fossi da cui tornava sporchissimo ma felice, di fughe pazze per il paese ad assaporare un po' di liberta', di buche fatte in giardino da usare come tana.
Mi dispiace tantissimo pensare che non ci sara' la prossima volta che andro' a casa dai miei. Ce ne sara' quasi sicuramente un altro (per fortuna i miei hanno deciso di non stare senza come invece temevo), ma non lo avro' scelto io come ho fatto con lui, non sapra' riconoscere la mia voce su skype e non mi verra' incontro al mio ritorno. E dovremo imparare a volerci bene in quelle due settimane all'anno in cui ci vedremo.
Lo so che puo' sembrare esagerato, ma, come dicevo oggi ai miei, finora per fortuna non abbiamo dovuto affrontare grandi perdite e possiamo permetterci di piangere per un cane. 
E' un altro pezzo della mia "vita di prima" che se ne e' andata, a conferma continua che non potro' mai tornare indietro a 4 anni fa e il mondo come lo avevo lasciato non c'e' piu', in tante piccole cose.

Ciao W, sei stato proprio un buon cane e sono felice di aver creduto in te, nonostate l'espressione non proprio intelligente che avevi quando ti ho scelto e quelle zampone enormi che ti rendevano sgraziato. :-) 


 

9 commenti:

  1. Che occhioni meravigliosi, e anche intelligenti! Mi dispiace, cavoli proprio prima che tornassi per natale (immagino)...ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Natale non torno, vado a marzo. Pero' si, aveva degli occhioni da sciogliersi!

      Elimina
  2. Che bel cagnolone! Mi spiace...

    RispondiElimina
  3. Mi spiace...
    E capisco questo senso di inquietudine per le cose che cambiano mentre tu non ci sei.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si' mamma mia, a volte mi piace chiudere gli occhi e pensare di tornare indietro, a prima del 2011...poi mi rendo conto che comunque non sarebbe lo stesso, per tante cose.

      Elimina
  4. mi dispiace
    ti capisco....
    valeriascrive

    RispondiElimina
  5. Ti capisco, ho perso la mia nana 10 mesi fa e le lacrime che ho versato sono state tantissime.
    Sono parte della famiglia ed è normale :(
    Un abbraccio

    RispondiElimina