martedì 13 giugno 2017

Despacito (lentamente)

Ogni giorno apro il blog per controllare aggiornamenti delle pagine che leggo e commenti ai post, mi rendo conto di non aver scritto nulla negli ultimi due mesi, mi ripropongo di farlo e inizio una bozza... e cosi' sono arrivata a 10 bozze mai finite! Senza contare i post che scrivo mentalmente mentre guido o mentre sono sotto la doccia o in quei pochi minuti a letto prima che gli occhi si chiudano.
Non posso neppure dire che sia solamente una questione di tempo, perche' la piccoletta va a letto abbastanza presto e il tempo per scrivere lo avrei eccome...ma preferisco leggere, cazzeggiare, giocare, forse perche' sono cose che mi svuotano la mente senza richiedere sforzi o anche perche' non prevedono l'uso di un computer, che non ho proprio voglia di aprire dopo che ci sono stata davanti tutto il giorno come succede da mesi.
Infine sono cosi' tante le cose che vorrei raccontare che finisce che mi scoraggio e alla fine non scrivo nulla! Tante cose che avrei voluto dirvi ormai hanno perso di significato, ad esempio alcuni progressi che ha fatto la piccoletta e che sono gia' stati superati da altri ancora piu' grandi.
Vorrei farvi sentire quanto questi 8 mesi siano stati davvero un rollercoaster di cambiamenti ed emozioni, sembra di avere a che fare con una bambina diversa ogni settimana e non smette di sorprenderci come un giorno di colpo inizi a fare qualcosa che prima non sapeva fare. Siamo passati dai versolini alle sillabe, da stare a quattro zampe al cercare di alzarsi in piedi, dal dormire immobile nella culletta al rigirarsi come una matta nel suo lettino!
Vorrei dirvi che la mia ansia e' sparita ma mentirei, pero' devo dire che ha mutato forma, visto che adesso non mi angoscio piu' per me e le mie mille malattie immaginarie ma ovviamente per la piccoletta. Ci sto lavorando tanto sopra pero', perche' non voglio che le mie paranoie limitino la sua liberta'....Pero' ripeto, qualcosa e' cambiata, basta pensare al fatto che il Tecnico in questo momento e' in Europa per un colloquio che potrebbe decidere le nostri sorti nel giro di poche settimane...e io ero un po' agitata di base ma sono andata veramente in ansia solo la sera prima della partenza, sono lontani i tempi del Peru e dei 3 mesi di angosce!! Piu' che altro mi sa che la mia ansia era un po' in difficolta' perche' non sapeva bene su cosa concentrarsi...sul volo aereo del Tecnico, sul dramma di essere da sola con la piccoletta, o sul possibile trasloco oltreoceano con relativo inizio altrove? :-)
Poi non me lo aspettavo, ma il fottuto Tecnico mi manca da morire! Pensavo mi mancasse solo della compagnia in generale, invece vorrei proprio lui! Oggi una cara amica e' stata qui un paio di ore e benche' abbia apprezzato le chiacchere e l'aiuto in casa, mi sento comunque triste e incompleta...a forza di stare io e lui, lui e io, e soprattutto con l'arrivo della bimba, siamo diventati inseparabili temo...sono cosi' abituata a parlare con lui che non mi riesce allo stesso modo con nessun altro, il che per me e' davvero insolito! Devo guarire da questo pericoloso morbo!!
Riguardo all'Europa...boh, non so davvero che dire o che pensare. Credo che non esista neppure una decisione giusta o sbagliata, faremo una scelta sulla base di quelle che saranno le sensazioni del Tecnico di questa settimana e poi vedremo come va, consapevoli del fatto che non c'e' modo di sapere a priori cosa sia meglio fare ma l'importante e' che ci andiamo tutti insieme, ovunque sia.
Vi tengo aggiornati...e prometto di cercare di scrivere di piu'...anche se si sa che sono pessima con le promesse e gli impegni!!!
Grazie a chi mi ha scritto per sapere come andava, amo molto i miei lettori! :-)

20 commenti:

  1. Quanto tempo che non ti leggevo :-(! Io anche mi sono un po' allontanata dal blog da quando sono rimasta incinta ed ora sono quasi due anni di vita della piccola ! CHE PIACERE LEGGERTI DI NUOVO :D

    RispondiElimina
  2. Sei affetta dal morbo che colpisce molte coppie espatriate che alla fine, dopo averne passate tante, diventano inseparabili anche fisicamente. Una mia collega colombiana ha coniato il nome di "The-body-misses syndrome".
    Non si guarisce, ma e' una bella malattia :)

    Bentornata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace un sacco "The-body-misses syndrome", descrive in modo perfetto quello che stiamo provando sia io che il Tecnico!

      Elimina
  3. In ciò che scrivi riconosco le caratteristiche del rapporto fra mio marito e me, cementato dalle gioie e dalle difficoltà affrontate sempre insieme perché non abbiamo mai avuto altri su cui appoggiarci. Abbiamo avuto alti e bassi, perché anche le tensioni con l'esterno potevamo scaricarle solo su noi due, ma siamo ancora qui dopo tanti anni e certi segnali sottili mi fanno capire che il nostro legame, che bene o male ha resistito a tante tempeste, è fonte di fiducia e un po' di ispirazione per i miei figli, che ora hanno famiglia anche loro, e per le loro mogli. Ma la mia esperienza non è rara, è comune a tutte le coppie che devono affrontare la vita da sole: se non scoppiano (e ciò avviene presto), poi si ritrovano legate più di altre. Vedrai che è così anche per te e ne sono felice.
    Auguri alla bella famiglia che sei/che siete riuscita/i a costruire!
    Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo...spero che non sia una cosa passeggera ma un segnale che il nostro rapporto ha finalmente trovato quella stabilita' che ci mancava. E concordo sul fatto che non e' facile dover sempre contare solo su se stessi e sull'altro, puo' far scoppiare la coppia...ma se si resiste si diventa invincibili e inseparabili!
      Grazie :-*

      Elimina
  4. in bocca al lupo per il futuro, qualunque scelta sarà quella giusta se la farete insieme.
    E complimenti per la piccolina! :*

    RispondiElimina
  5. Oh che bello riavere tue notizie!! Sono ovviamente curiosa di sapere le evoluzioni del lavoro, e mi domando anche che ne sarà del tuo lavoro? Prenderebbero anche te?
    Comunque Europa, immagino al nord?, credo sia una buona soluzione per voi.. così a sensazione! Meno solitudine forse.. e con la piccolina c'è bisogno di vicinanza! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HO un colloquio via skype lunedi...poi comunque vada vi faro' sapere tutti i dettagli!!! :-)

      Elimina
    2. Leggo ora, com'è andato?? :-))

      Elimina
    3. Pure io leggo ora...mamma mia!!! Nel frattempi ci siamo trasferiti e tra un mese comincio a lavorare :-)

      Elimina
  6. Provo le stesse cose per mio marito quando sono all'estero per lavoro (ma anche se sono in Italia, ma non a Roma), credo sia normale 😙

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Normale ma disdicevole ahahahahahahha

      Elimina
  7. E' bello sapere che ci siano delle belle novità in arrivo. Di sicuro essere in Europa non è come mettere un Oceano di distanza tra te e gli affetti e le abitudini, è molto meglio!
    Ti auguro di scegliere per il meglio, ma soprattutto congratulazioni per questo senso unità che si respira nella famiglia che siete riusciti a creare! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del messaggio, arrivo con imperdonabile ritardo perche' mi sono presa una pausa dal web, un po' voluta e un po' forzata da tempi e connessioni mancanti!

      Elimina
  8. In bocca al lupo! In questo momento tornerei anch'io volentieri in Europa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi!!! Per ora sono contenta, ma immagino che 10 giorni non siano sufficienti per un bilancio ahahahah

      Elimina
  9. Allora non sono l'unica a scomparire dal web...
    Felice per le tue novità, per i cambiamenti e per la tua paura ormai passata! Anche io ho smesso di avere timore di volare quando è arrivato Noah Enzo!!!
    Un abbraccio a te e alla piccola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei proprio sparita sparita!!!

      Elimina